Trapani-Catania 1-1: I rossazzurri restano in Serie C

  Foto: Nino Russo

Gli etnei, che finiscono la gara in 8 uomini, sono condannati a un'altra stagione nell'inferno della Serie C

-3 all'alBa
O dentro o fuori. Nella gara di ritorno delle semifinali play-off il Catania si reca al "Provinciale" di Erice con un solo obiettivo: la vittoria. Il pareggio per 2 a 2, maturato al termine della gara di andata del "Massimino", disputata mercoledì scorso, pone il Trapani di Vincenzo Italiano in una posizione privilegiata rispetto agli etnei. In caso di pareggio, infatti, sarebbero i granata a qualificarsi alla doppia finalissima, in programma l'8 e il 15 giugno, con la vincente del confronto fra Piacenza e Imolese (gara di andata vinta dai piacentini per 2 a 0). Calcio d'inizio alle ore 20.30.

DIREZIONE DI GARA
Direzione di gara affidata al signor Simone Sozza di Seregno. Il fischietto brianzolo sarà coadiuvato dagli assistenti Alessandro Pacifico di Taranto e Marco Trinchieri di Milano. Quarto uomo il signor Andrea Zingarelli di Siena. Per Sozza si tratta del quinto incrocio con gli etnei. Nella scorsa stagione diresse la sfida di Pagani (successo rossazzurro per 5-2 con due calci di rigore (entrambi discutibili) concessi, uno per parte.) e la gara casalinga con il Cosenza finita sul 2-2. In questa stagione ha arbitrato il Juve Stabia-Catania 0-0 e Catania-Juve Stabia 1-0.

TABELLINO
TRAPANI-CATANIA 1-1
Marcatori: Taugordeau al 26°, Curiale al 69°

TRAPANI (4-3-3): Dini; Costa Ferreira, Scognamillo (dal 78° Da Silva), Taugordeau, Ramos (dal 78° Franco); Aloi, Toscano, Corapi; Ferretti (dal 63° Fedato), Nzola, Tulli (dal 73° Evacuo). A disp.: Ferrara, Cavalli, Mulè, Da Silva, Scrugli, Lomolino, Garufo, Franco, D'Angelo, Girasole, Fedato, Evacuo. All: Italiano

CATANIA (4-3-3): Pisseri; Aya, Silvestri (dal 46° Calapai), Esposito, Baraye; Rizzo (dal 46° Biagianti), Lodi, Llama; Sarno (dal 65° Brodic), Di Piazza (dal 66° Curiale), Manneh (dal 46° Marotta). A disp.: Bardini, Lovric, Marchese, Calapai, Valeau, Biagianti, Bucolo, Carriero, Angiulli, Marotta, Brodic, Curiale. All: Sottil

ARBITRO: Simone Sozza di Seregno.

ASSISTENTI: Alessandro Pacifico di Taranto e Marco Trinchieri di Milano.

QUARTO UOMO: Andrea Zingarelli di Siena.

AMMONITI: Silvestri al 29°, Aloi al 33°, Biagianti al 55°, Toscano al 55°

ESPULSI: Esposito al 54°, Biagianti all'86°, Calapai al 90°

RECUPERO: 2' pt; 6' st

INDISPONIBILI: Pagliarulo, Dambros e Golfo

SQUALIFICATI: -

DIFFIDATI: Aloi, Costa Ferreira, Scognamillo Nzola; Aya, Baraye, Sarno, Carriero, Di Piazza e Rizzo

PRIMO TEMPO
Nel primo tempo il Catania attacca da destro verso sinistra con la seconda divisa da gioco, bianca con strisce trasversali rossazzurre. Trapani con il tradizionale completo granata. Al secondo minuto Aya, sulla corsia di destra, serve in area Di Piazza che si libera bene e calcia con potenza, il pallone finisce fuori ma l’arbitro aveva alzato il braccio per segnalare un fallo di mano dell’attaccante etneo. Al 5° Esposito rischia un retropassaggio di testa con Nzola alle spalle, ma la palla arriva tra le braccia di Pisseri. Un minuto dopo Corapi calcia da posizione defilata, dalla distanza, Pisseri blocca a terra. Si fa sentire il pubblico di casa che incita i granata. Al 18° Llama viene colpito con una gomitata da Scognamillo. Il numero 16 ospite perde sangue e ha bisogno delle cure. All’argentino viene applicata una fasciatura alla testa, nessuna punizione per il centrale del Trapani.
Al 21° Cristian Llama ci prova con una conclusione da fuori area, il suo sinistro finisce fuori. Al 24° Sozza fischia un fallo da posizione pericolosa in favore dei padroni di casa: Silvestri trattiene Corapi. Il Trapani è in vantaggio: Taugordeau calcia la punizione con il destro, a giro, e batte Pisseri che non può arrivarci. Trapani 1 Catania 0. Al 29° primo giallo per la formazione rossazzurra: Silvestri finisce sul taccuino dei cattivi. Al minuto 33 primo giallo anche per il Trapani. Ammonito Aloi per un fallo su Di Piazza. Un minuto prima Toscano impegnava il portiere ospite con un tiro da fuori area. Al minuto 37 episodio dubbio in area Trapani: Baraye, servito da Manneh, finisce giù, ma per il signor Sozza non c'è nulla. Al 41° occasione Catania: tiro di Manneh da fuori area ma la palla finisce alta sopra la traversa. Saranno due i minuti di recupero in questa prima frazione di gioco. Finisce il primo tempo con il Trapani avanti 1-0. Al Catania serve solo vincere...

SECONDO TEMPO
Il Catania inizia il secondo tempo con tre novità: in campo ci sono Marotta, Biagianti e Calapai che sostituiscono rispettivamente Manneh, Rizzo e Silvestri. Al 49° Scognamillo accusa un dolore e si accascia sul terreno di gioco. Un minuto dopo Di Piazza, ben servito da Lodi, viene fermato per una posizione di fuorigioco.
Al 54° il Catania resta in dieci uomini, espulso Esposito. Un minuto dopo, in seguito a una mischia, vengono ammoniti Biagianti e Toscano. Al 62° giallo per il portiere del Trapani Dini per perdita di tempo. Al 63° primo cambio per la squadra della città delle cinque torri: entra l'ex Fedato che prende il posto di Ferretti, autore del momentaneo 0-2 dell'andata.
Per il Catania in campo Curiale e Brodic per Di Piazza e Sarno.
PAREGGIO DEL CATANIA! Entrato in campo da 3 minuti Curiale raccoglie e trasforma in gol un assist di Brodic, anche lui entrato da poco.
Al 70° gli ospiti hanno l'occasione per raddoppiare con Brodic, la sua conclusione è deviata in angolo. Al minuto 73 Italiano manda in campo Evacuo per Tulli.
I rossazzurri ci credono: doppia occasione al 74°, prima Curiale e poi Llama sfiorano il gol del vantaggio. Due minuti più tardi doppio cambio per i granata: entrano Da Silva e Franco per Scognamillo e Ramos.
Altro rosso in casa Catania. Biagianti lascia il campo per doppia ammonizione. Molti dubbi anche su questa decisione dell'arbitro. Ancora un rosso per gli etnei che restano in 8 uomini. Rosso diretto per Calapai.
Sono 6 i minuti di recupero in questa ripresa.
Finisce l'incontro. Trapani e Catania pareggiano 1-1, i granata approdano alla finale play off, dove se la vedranno col Piacenza, rossazzurri condannati a un'altra stagione nell'inferno della C.