Catania: quando la "Zona Cesarini" vale tre punti

L'esultanza liberatoria di Roberto Manca dopo il gol al Messina 

L'esultanza liberatoria di Roberto Manca dopo il gol al Messina    Foto: CalcioCatania.com

Dal gol di Manca a quello di Mazzarani: tutti i gol del Catania oltre il 90' segnati nelle ultime venti stagioni

AVE CESAR…INI
Generalmente, quando in una partita di calcio viene realizzata una rete in quella porzione di tempo che va dal minuto 85 ai minuti di recupero si parla di Zona Cesarini. Un’espressione comunissima nel linguaggio giornalistico che affonda le proprie origini negli anni trenta del novecento, quando il ‘buon’ Renato Cesarini, attaccante italo-argentino della Juventus, realizzò diverse reti proprio nei minuti conclusivi. La recente rete di Andrea Mazzarani al 94’ della gara di Castellammare di Stabia, che ha permesso al Catania di portare a casa tre punti pesantissimi, ha riportato alla memoria degli sportivi catanesi altre partite decise all’ultimo respiro.

Il gol vittoria di Andrea Mazzarani al 94' 



CATANIA-MESSINA: LA MADRE DELLE RETI NEL RECUPERO
Analizzando le vicende dell’Elefante delle ultime venti stagioni - incastonate tra Serie C2, C1/C, B ed A - è venuta fuori una valanga piena di gol al cardiopalmo che hanno permesso al Catania di strappar via i tre punti all’avversario proprio all’ultimo respiro. La madre delle reti rossazzurre segnate nei minuti di recupero non che esser Catania-Messina 1-0 del 25 aprile 1999 decisa al minuto 92’ da un perentorio colpo di testa di Roberto Manca su preciso cross di Alessandro Cicchetti. In quella stessa stagione, conclusa poi con la promozione in Serie C1, i rossazzurri di Pierino Cucchi vinsero anche un’altra gara con una rete segnata oltre il 90’: 1-0 al “Santa Colomba” di Benevento con rete di Luca Lugnan al minuto 93. Altri due casi nella stagione 2001-02, anch’essa conclusa con una promozione. Si parte da Catania-Sassari Torres 2-1 del 14 gennaio 2002 decisa da un colpo di testa di Michele Zeoli al 91’, con gli etnei con l’insolita maglia nera. Qualche settimana più tardi, il 27 gennaio, con il Catania vestito sempre di nero, tocca a Massimo Cicconi stroncare al minuto 91’ la resistenza della Fermana.

Massimo Cicconi, due gol oltre il 90' 



LA PARTE BELLA DEL 93
Il novantatre, obiettivamente, non è un numero che rievoca dolci ricordi ai tifosi rossazzurri, basti pensare al tentato omicidio dell’Elefante ordito dal ‘palazzo’ in quell’infuocata estate di 24 anni fa. In termini di reti, però, è un numero che ha regalato forti emozioni, tal volta anche positive. Nel campionato cadetto 2002-03, il primo dopo il lungo esilio negli inferi, tocca ancora a Massimo Cicconi segnare un gol da tre punti proprio al minuto 93 contro la Salernitana. Il 4 marzo del 2004, proprio nel giorno dell’ottavo anniversario della scomparsa del Cavaliere Angelo Massimino, è Giuseppe Mascara a segnare al 93’ il gol del decisivo 1-0 al Treviso. Nella stagione seguente, la prima della gestione Pulvirenti-Lo Monaco, altre due gare decise proprio al terzo di recupero: Catania-Crotone 1-0 con rete di Maurizio Anastasi (seguita da un inchino sotto la Nord) e Catania-Pescara 2-1, del 23 aprile 2004, firmata da uno dei rari sprazzi rossazzurri di Davor Vugrinec. Detto che la “Zona Cesarini” compre anche le reti segnate negli ultimi cinque minuti regolamentari non si può non rievocare l’entusiasmante 3-1 in rimonta sul Piacenza del 7 gennaio 2006, in Serie B, con tre reti segnate da Del Core, De Zerbi e Lucenti segnate rispettivamente all’85, all’88’ e al 92’. Sarebbe stato un delitto.

La gioia di Maurizio Anastasi dopo il gol al Crotone 



GLI ANNI DELLA SERIE A
Anche negli anni della Serie A, adesso lontani anni luce, i rossazzurri non hanno perso il fiuto per le reti extra-time. Il 12 novembre 2006, proprio allo scoccar del 90’, un tiro beffardo di Giorgio Corona sancì il 3-2 degli etnei di Pasquale Marino su un indomito Livorno privo di Cristiano Lucarelli. Novembre è un mese avvezzo ai gol in extremis. Il nove del 2008 Rocco Sabato scaraventa una palla alle spalle del portiere cagliaritano Marchetti firmando il definitivo 2-1 per il Catania di Walter Zenga. Ottantasette diventa minuto indimenticabile il 20 dicembre 2010 quando Marinito Izco conclude in gol un veloce contropiede imbastito da un assist al bacio di Plasmati: Juventus-Catania 1-2. Altra grandissima soddisfazione è quella realizzata dal Papu Gomez al minuto 95 della gara contro la Roma del 15 maggio 2011: gol vittoria con Simeone che migliora il record di punti stabilito da Mihajlovic l’anno prima. Di tutt’altro genere il calcio di rigore realizzato da Gonzalo Bergessio, al minuto 91’ della gara interna contro l’Atalanta del 18 maggio 2014, nonché ultima vittoria in Serie A degli etnei. Da ricordare anche la rete di Taka Morimoto al minuto 89 della gara contro l'Udinese della Coppa Italia 2007-08 che valse la storica qualificazione degli etnei di Silvio Baldini in semifinale.

La rete-vittoria di Maks Barisic al Messina: è il minuto 86, in piena "Zona Cesarini"  



SCARSELLA-BARISIC: RITORNO IN C
Nelle ultime tre stagioni, quelle dell’amarissimo ritorno in terza serie, bisogna registrare un paio di casi oltre al già citato gol-vittoria di Andrea Mazzarani al “Romeo Menti” di Castellammare di Stabia. Il 23 settembre 2015 un perentorio colpo di testa di Fabio Scarsella decide al minuto 93 la gara del “Veneziani” di Monopoli: seconda vittoria consecutiva (in trasferta) per gli etnei di Pippo Pancaro e tifosi rossazzurri in estasi dopo le amarezze patite in estate. Estasi bagnata è quella provata dai tifosi catanesi al minuto 86’ della gara dello scorso 26 febbraio, a Messina: rabbioso destro di Maks Barisic e prima vittoria dell’Elefante al “Franco Scoglio” per buona pace del presidente Franco Proto.

PAREGGI CHE VALOGONO TRE PUNTI
Talvolta, però, ci sono reti che anche se non sono decisive ai fini della vittoria valgono tanto quanto. Il 10 ottobre 1999 una rete di Igor Marziano, al novantatreesimo, evita al Catania di Gianni Simonelli di lasciare i tre punti all’Arezzo di Serse Cosmi. Che dire del folgore di rara bellezza di Orazio Russo del 9 ottobre 2005 che valse il 2-2 finale nella gara casalinga contro il Vicenza? Rete stilisticamente bellissima che mantenne l’inviolabilità del “Massimino”. Altra rete pesante, anche se meno spettacolare, è quella siglata da Umberto Del Core al minuto 94 della gara di Bergamo contro l’Albino Leffe: tocco fortuito del folletto barese per il definitivo 2-2. Il 2-2 dei sogni è però quello del 23 aprile 2011, quando Ciccio Lodi dipinse sulla tela verde dello stadio Olimpico di Torino una traiettoria magica che annichilì Gigi Buffon: Juventus-Catania 2-2. L’anno seguente, sempre in Piemonte, tocca al Papu Gomez firmare il definitivo 3-3 sul sintetico del “Piola” di Novara con una rete al novantunesimo. Sempre nello stesso minuto, ma in categoria differente, i gol realizzati da Lucas Castro e da Emanuele Calaio’ nelle gare contro Crotone e Spezia, entrambe risalenti alla Serie B 2014-15. Nel rispetto della “Zona Cesarini”, però, bisogna ricordare anche la rete del Malaka Jorge Martinez siglata alla Roma al 85’ del match del 18 maggio 2008, marcatura che valse la salvezza degli etnei.

L'esultanza di Ciccio Lodi dopo il gol del 2-2 alla Juventus 



Nel dettaglio tutte le reti (decisive ai fini del risultato finale) segnate dal Catania dopo il 90’ nelle ultime venti stagioni:

1998-99: Benevento-Catania 0-1 (Lugnan al 93’)
1998-99: Catania-Messina 1-0 (Manca al 92’)
1999-00: Arezzo-Catania 1-1 (Marziano al 93’)
2001-02: Catania-Torres Sassari 2-1 (Zeoli al 91’)
2001-02: Catania-Fermana 2-1 (Cicconi su rig. al 91’)
2002-03: Catania-Salernitana 2-1 (Cicconi al 93’)
2003-04: Catania-Treviso 1-0 (Mascara al 93’)
2004-05: Catania-Pescara 2-1 (Vugrinec al 93’)
2004-05: Catania-Crotone 1-0 (Anastasi al 93’)
2005-06: Catania-Vicenza 2-2 (Russo al 92’)
2005-06: Albino-Catania 2-2 (Del Core 94’)
2010-11: Juventus-Catania 2-2 (Lodi al 95’)
2010-11: Catania-Roma 2-1 (Gomez al 95’)
2011-12: Novara-Catania 3-3 (Gomez al 91’)
2013-14: Catania-Atalanta 2-1 (Bergessio su rig. al 91’)
2014-15: Catania-Crotone 1-1 (Castro al 91’)
2014-15: Catania-Spezia 2-2 (Calaiò al 91’)
2015-16: Monopoli-Catania 1-2 (Scarsella 93’)
2017-18: Juve Stabia-Catania 0-1 (Mazzarani al 94’)