Conferenza stampa Catania SSD. Grella: 'Bisognerà essere fieri di far parte del Catania'

Parisi, Pelligra, Grella, Carra e Scibilia nella conferenza stampa del Catania SSD

Parisi, Pelligra, Grella, Carra e Scibilia nella conferenza stampa del Catania SSD  Foto: CalcioCatania.com

Il resoconto della conferenza di presentazione del nuovo corso.

All'interno della sala congressi del President Park Hotel si è svolta la prima conferenza stampa del Catania SSD, neo società di calcio etneo costituita lo scorso 13 Luglio 2022.

Presenti alla conferenza il Presidente del club Ross Pelligra, il vice presidente Vincenzo Grella, l'advisor Dante Scibilia, l'assessore allo sport del Comune di Catania Sergio Parisi e il collaboratore di Ross Pelligra Mark Bresciano, ex calciatore di Parma e Palermo.

E' stato proprio lo stesso Presidente Pelligra ad iniziare la conferenza, ringraziando i propri collaboratori per il lavoro svolto nelle ultime settimane nella costruzione del team dirigenziale che dovrà avviare un progetto vincente in linea con le aspettative del territorio e dei tifosi. In tal senso, Pelligra ha annunciato la presenza all'interno dell'organigramma di Luca Carra (ex amministratore delegato del Parma negli anni della ripartenza dei ducali dopo il fallimento) come direttore generale, di Antonello Laneri come direttore sportivo, di Emanuele Passanisi come segretario sportivo, di Angelo Scaltriti come responsabile dell'area comunicazione, di Carmelo Milazzo come responsabile amministrativo e di Orazio Russo come responsabile del settore giovanile.

Successivamente è stato il vicepresidente Vincenzo Grella a parlare rivolgendo il proprio ringraziamento nei confronti del presidente Pelligra per la fiducia concessagli e a Sergio Parisi per l'impegno sul territorio che gli ha permesso di avviare il progetto Catania e ha annunciato che dirigere una società di calcio come il Catania è una sfida che lo stimola e lo inorgoglisce.

Dopo una breve presentazione del neo Direttore Generale Luca Carra, che ha confermato che il percorso del Catania gli ricorda quello vissuto a Parma, è stato l'advisor Dante Scibilia a sottolineare che è arrivato il momento delle presentazioni così come richiesto dalla piazza e da molti organi di informazioni. Sono stati fatti diversi i colloqui avuti con diversi profili che hanno prodotto le scelte effettuate e che, oggi, sono state ufficializzate.

Ha parlato brevemente anche Mark Bresciano che si è detto felice di tornare a lavorare in Sicilia, dove sono nati i suoi figli durante la sua militanza con la maglia del Palermo, confermando che metterà a disposizione la propria esperienza nel calcio italiano lunga 14 anni cercando di riportare il Catania in categorie più importanti.

Grella ha risposto alla domanda sul settore giovanile sottolineando che la società ha la volontà di far partire una collaborazione con tutti i club locali per cercare di sfruttare al meglio le potenzialità del territorio per trasmettere ai giovani della provincia di Catania l'dea che giocare nel Catania deve valere come giocare nella Juventus, mettendo in campo l'orgoglio di giocare in maglia rossazzurra. Sulla questione allenatore, Grella ha confermato che si stanno facendo diverse valutazioni perchè la scelta del mister è fondamentale per il successo del progetto e, in tal senso, si sta valutando ogni minimo particolare e, in questo momento, sono tre i candidati per la guida tecnica del nuovo Catania. Anche in merito al gruppo di calciatori si stanno già valutando diversi profili anche grazie ai buoni rapporti che lo stesso Grella ha con altre società italiane per bloccare alcuni calciatori che, appena sarà data la conferma della partecipazione al campionato, saranno concretizzate. Probabilmente saranno circa 10/12 gli under che faranno parte del gruppo e, alcuni di questi, potrebbero arrivare da collaborazione con società di Serie A. Grella ha motivato la scelta di Laneri come Direttore sportivo legandola al fatto che il dirigente conosce bene il campionato di Serie D Girone I e può portare la propria esperienza all'interno del progetto.

Pelligra ha poi sottolineato che Torre del Grifo è certamente una struttura interessante ma, nel rispetto della procedura competitiva che ci sarà, si stanno valutando altre ipotesi per permettere al club di crescere nel migliore dei modi . Sicuramente ci saranno anche delle strategie sul rilancio del brand Catania, cercando di coinvolgere i tifosi anche lontani dalla provincia mentre per quanto concerne lo stadio Angelo Massimino sarà necessario intervenire per cercare di apportare le modifiche necessarie per una maggiore fruizione da parte della città stessa.