Catania verso il record di permanenza in terza serie

Una formazione del Catania 1974/75, il miglior Catania della storia in Serie C

Una formazione del Catania 1974/75, il miglior Catania della storia in Serie C  Foto: CalcioCatania.com

Con l'iscrizione al campionato, per gli etnei sarà la settima stagione di fila in C. Battuto il precedente record di sei anni.

Un clima di silenzio e incertezza aleggia attorno a Torre del Grifo, sebbene quantomeno con riferimento al tema più dibattuto tra i social nell'ultimo mese - la salvezza della matricola - il presidente S.I.G.I. Ferraù abbia dato ampie rassicurazioni. E proprio il mantenimento della promessa di iscrivere la squadra al campionato, paradossalmente, farebbe raggiungere al Catania un record...negativo: si tratta del record di anni consecutivi in Serie C, ben sette. Su 75 anni di storia, la società dell'Elefante ha calcato principalmente i campi nazionali, con 47 campionati disputati tra Serie A (17) e Serie B (30). 22, invece, le presenze in terza serie, nelle sue varie denominazioni, oltre a 4 stagioni nella vecchia Serie C2 e 2 nelle serie dilettantistiche.

La storia del Catania 1946 è partita proprio dalla Serie C perché era quella la categoria in cui avevano militato le due società locali (Virtus Catania e Catanese Elefante) nella stagione precedente alla loro fusione, che diede vita il 24 settembre 1946 al sodalizio tuttora in vita. Dopo un primo anno di transizione, la compagine etnea vinse il campionato 1947/48 garantendosi la permanenza nella nuova Serie C e l’anno dopo riuscì a ripetersi, soffiando la promozione in B all’Avellino attraverso la prima battaglia sportivo-giudiziaria della propria storia e lasciando così la terza serie dopo soli tre anni.

Dopo 25 anni trascorsi nei palcoscenici nazionali della A e della B, i rossazzurri ripiombarono per la prima volta in C al termine della stagione 1973/74, ma col ritorno di Massimino al timone del club la riscossa fu immediata, con un campionato da record contrassegnato dalla sapiente guida di mister Rubino e dalla prolificità dei “gemelli del gol” Ciceri e Spagnolo. Più complicato il percorso dopo la caduta in terza serie al termine del campionato 1976/77: per due anni di fila gli etnei lottarono fino alla fine per la promozione, venendo beffati in extremis dalla Nocerina (nello spareggio di Catanzaro) e dal Pisa (nello scontro diretto all'Arena Garibaldi alla penultima giornata). Il sospirato ritorno nel calcio che conta si celebrò in quel di Reggio Calabria nel terzultimo atto della Serie C1 1979/80, con De Petrillo al timone. Percorso più faticoso, ma nel giro di tre anni il Catania si ritrovò nuovamente in B.

Poi, nel 1987, a seguito della retrocessione dalla Serie B alla Serie C1 del club di proprietà, in quel momento, di Angelo Massimino, ebbe inizio il periodo del precedente record di permanenza (sei anni). Il Cavaliere, dopo aver provato in estate a rilanciare la squadra, ringiovanendola ed affidandola all’emergente Jaconi, passò la mano in autunno alla cordata politico-imprenditoriale capeggiata da Angelo Attaguile. Proprio quest’ultimo, con una gestione fallimentare (due sesti posti come miglior risultato), non riuscì a riportare il Catania nell’élite del calcio nazionale ed anzi aggravò la situazione debitoria della società. A nulla servì l'ingresso in società di Salvatore e Alfio Luciano Massimino nell'estate 1991. Il ritorno di Angelo Massimino nell’estate del 1992 non bastò a scongiurare la mannaia della Federazione, che l’anno dopo con un abuso di potere fece ripartire la squadra etnea dall’Eccellenza (all’epoca il sesto livello delle competizioni calcistiche dello Stivale).

Il resto è storia moderna e contemporanea. Con una scalata sofferta ma memorabile, il Catania ritornò nella vecchia Serie C1 nel giro di sei anni e si intrattenne in terza serie per i successivi tre anni, con in mezzo il passaggio di proprietà dalla famiglia Massimino a quella Gaucci, propedeutico al ritorno in cadetteria. Dopodiché quattro anni in B (con l'avvento di Nino Pulvirenti nel 2004), otto di Serie A, la retrocessione del 2014 e un ultimo campionato in cadetteria, concluso con l'ignominia della retrocessione per illecito sportivo conseguente all'inchiesta dei "Treni del Gol". Così, dopo 13 anni, gli etnei si sono ritrovati in C, senza sapere in quel momento che sarebbe iniziato un ciclo di incertezza e mediocrità che avrebbe incastrato il club nelle sabbie mobili della terza serie per un numero di stagioni da record...negativo.

Ciclo iniziato con l'instabilità societaria del 2015/16, con fantomatiche trattative per il passaggio di proprietà (mai formalizzate) ed una salvezza conquistata sul campo in extremis, superando l'ostacolo della forte penalizzazione. Segno meno in classifica che ha condizionato anche il campionato successivo, durante il quale, perlomeno, la holding Finaria sembrava aver intrapreso la strada del rilancio e del risanamento col l'intervento del commercialista Davide Franco ed il clamoroso ritorno dell'ad Pietro Lo Monaco. Nel 2017/18 l'unico vero e proprio sussulto, con la squadra allenata da Lucarelli che ha lottato per la promozione, sfiorando la finale playoff. Poi l'illusione del ripescaggio in cadetteria durante l'estate successiva e da lì in avanti il buio: un 2018/19 condizionato da troppe falle gestionali, non coperte dal raggiungimento della seconda semifinale playoff consecutiva, quindi la deflagrazione della crisi della gruppo Finaria, con un Catania stoico sul campo e tirato per i capelli fuori dal campo nella parte finale della stagione 2019/20, conclusa col passaggio di proprietà per il tramite della procedura competitiva in Tribunale. Quindi, con la nuova proprietà S.I.G.I. al timone, una ripartenza dignitosa che però, a quasi un anno di distanza, non ha ancora risolto gli endemici problemi delle casse societarie, col peso del (per il momento) mancato accordo con Tacopina, che oltre ad aver costituito il leit motiv della scorsa stagione, rischia di condizionare anche l'andamento della prossima e di prolungare l'attuale record...fino a quando sarà possibile sopravvivere in questa soffocante Serie C.

RESOCONTO STATISTICO DEL CATANIA IN TERZA SERIE
- 7 stagioni: Catania 2015-2022 (Lega Pro/Serie C)
- 6 stagioni: Catania 1987-1993 (Serie C1)
- 3 stagioni: Catania 1946-1949 (Lega Interregionale Sud; Serie C); Catania 1977-1980 (Serie C; Serie C1); Catania 1999-2002 (Serie C1)
- Una stagione: Catania 1974/75 (Serie C)