Paganese-Catania 1-0: etnei stregati da Baiocco, cadono nonostante la superiorità numerica

Le distinte ufficiali

Le distinte ufficiali  Foto: CalcioCatania.com

Il racconto del match tra campani ed etnei. Il portiere azzurrostellato para un rigore a Ceccarelli e compie diversi miracoli.

TABELLINO
PAGANESE-CATANIA 1-0
Reti: 69° Diop.

PAGANESE (3-5-2): Baiocco; Sbampato (52° Scanagatta), Schiavi (82° Schiavino), Murolo; Sussi, Cretella, Vitiello (58° Zito), Tissone (58° Volpicelli), Manarelli; Castaldo, Guadagni (46° Diop).
A disp.: Caruso, Pica, Perlingieri, Zanini, Del Regno, Iannone, Piovaccari.
All: Grassadonia.

CATANIA (4-3-3): Stancampiano; Calapai, Ercolani, Monteagudo, Pinto; Rosaia (63° Biondi), Maldonado, Provenzano (77° Greco); Ceccarelli (60° Piccolo), Sipos (63° Moro), Russotto (60° Russini).
A disp.: Sala, Albertini, Pino, Ropolo, Zanchi, Izco, Cataldi.
All: Baldini.

ARBITRO: Maggio di Lodi; ASSISTENTI: Centrone e Dell'Olio di Roma 1; IV UFFICIALE: Ancora di Roma 1.

AMMONITI: Sussi, Vitiello (Paganese); Calapai, Maldonado, Monteagudo (Catania).

ESPULSI: Sussi (Paganese).

RECUPERO: 2'; 5'.

PRIMO TEMPO
Al primo minuto Ceccarelli guadagna una punizione sulla trequarti, sugli sviluppi Sipos prova una conclusione girandosi in area ma viene "murato" dalla difesa avversaria. Al 6° ancora Ceccarelli svaria sulla trequarti e costringe Sussi al fallo da ammonizione. Dalla susseguente punizione il Catania guadagna un corner, schema eseguito da Russotto che serve un assist perfetto ad un solissimo Ceccarelli che, da posizione arretrata, non inquadra la porta. Primo squillo della Paganese al 10° con una conclusione mancina di Manarelli dalla sinistra, deviata in angolo da Pinto. Batte Tissone, colpo di testa dell'ex Schiavi, palla alta non di molto. Il primo quarto d'ora si conclude con un'azione pericolosa del Catania, sviluppata sulla destra da Ceccarelli e Calapai, il capitano va al cross che costringe Baiocco alla respinta di pugni in uscita, gli etnei insistono con Pinto che fa spiovere un nuovo traversone dalla sinistra, testa di Ceccarelli, palla alta.
Buon momento per i ragazzi di Baldini che poco dopo si affacciano ancora nell'area avversaria con un bella palla tagliata di Calapai, Russotto sul secondo palo non ci crede abbastanza e non arriva puntuale all'appuntamento col pallone. Al 17° primo giallo per il Catania: intervento in ritardo di Calapai su Manarelli nella metà campo avversaria. Un minuto dopo lo stesso Calapai affonda sulla destra e guadagna un corner. I padroni di casa reagiscono dopo qualche giro di lancette con un inserimento di Tissone che impegna Stancampiano, il quale respinge la conclusione dell'avversario. Grave buco difensivo nella circostanza. Al 25° gioco fermato per qualche istante per un "cooling break" indotto dal caldo di Pagani, coi giocatori che ne approfittano per dissetarsi ed ascoltare le indicazioni dei propri tecnici. Al 28° Sussi anticipa Pinto e sgroppa sulla fascia orchestrando un contropiede interrotto provvidenzialmente da Monteagudo. Poco dopo ci prova Guadagni di testa, Stancampiano attento protegge l'incrocio e devia in angolo.
Al 32° Ceccarelli ingaggia un duello con un avversario al limite dell'area, poi prova un tiro, palla respinta da un difensore. Al 37° velleitaria conclusione dalla distanza di Russotto. Un minuto dopo Vitiello perde palla e commette un fallo da ammonizione per fermare Maldonado che altrimenti si sarebbe involato sulla trequarti. Sugli sviluppi della punizione, Russotto fermato tutto solo sulla sinistra in area per un fuorigioco inesistente. Il Catania resta in pressione alta, Ceccarelli ci prova per l'ennesima volta ma la Paganese chiude ogni spazio. Al 42° Tissone sfugge a Maldonado che lo trattiene e finisce sul taccuino dei cattivi. Al 44° bella combinazione sulla sinistra Pinto-Rosaia col numero 8 che affonda in area e serve un cross interessante sul quale però arriva prima la difesa azzurrostellata. Maggio assegna 2' di recupero, durante il primo dei quali il Catania recupera palla sulla trequarti, Sipos serve Provenzano che prova una conclusione mancina, palla fuori. Non succede altro: la prima frazione di gioco si chiude sullo 0-0.

SECONDO TEMPO
La ripresa si apre con un cambio: fuori Guadagni, che ha chiuso il primo tempo malconcio, dentro Diop. Paganese subito insidiosa, Manarelli dalla sinistra prova un filtrante, provvidenziale la chiusura di Calapai. Al 47° clamorosa occasione per Sipos, servito tutto solo da Ercolani in area: il croato spara a lato da pochi passi. Un minuto dopo splendida conclusione mancina da lontano di Ceccarelli, vola Baiocco a respingere, il Catania non si ferma e pochi secondi dopo ci riprova, stavolta con un colpo di testa di Provenzano su cross proveniente dalla sinistra, palla fuori. Gli etnei capitalizzano l'ottimo momento guadagnando un calcio di rigore al 50°: pasticcio di Sussi che controlla un pallone nei pressi della propria aerea ma si fa prendere il tempo da Russotto che gli ruba il pallone, il difensore è costretto a stendere il numero 7 all'altezza della linea dell'area di rigore: per Maggio è penalty, con Sussi che, già ammonito, si prende anche il secondo giallo e va sotto la doccia. Sul dischetto si presenta Ceccarelli, conclusione angolata intuita da un Baiocco in gran spolvero, che devia sul palo, poi l'azione continua ed il Catania guadagna un corner. Grassadonia intanto corre ai ripari inserendo Scanagatta per Sbampato. Ci prova Provenzano al 53°, Baiocco controlla agevolmente. Al 57° i padroni di casa provano a scuotersi, Castaldo in area prova a liberarsi, poi la palla arriva a Manarelli che cerca la porta ma trova una conclusione in angolo. Grassadonia prosegue la girandola di cambi con Zito e Volpicelli che rilevano Vitiello e Tissone. Al 60° Baldini vara le staffette: Piccolo e Russini per Ceccarelli (ottima la sua prova) e Russotto.
Passano solo tre minuti e Baldini opera altri due cambi: Biondi e Moro per Rosaia e Sipos. Piccolo ci prova da fuori, tiro sbilenco. Combinazione Piccolo-Calapai al 66°, cross del terzino controllato in uscita da Baiocco. Due minuti più tardi Maggio grazia Manarelli che strattona Piccola che se n'era andato sulla destra: fischiato il fallo, "risparmiata" l'ammonizione. Al 69° la Paganese passa in vantaggio. Lancio lungo a cercare Diop, l'attaccante fa a sportellate con Ercolani, col fisico difende il pallone, e da posizione defilata in area sulla sinistra lascia partire un gran mancino che trova l'incrocio dalla parte opposta. Il Catania reagisce subito con Biondi che ci prova di testa su cross di Calapai, palla alta.
Al 76° sponda di Biondi per Moro che prova il tiro al volo, segnalato offside ma Baiocco era già intervenuto. Subito dopo ultima carta giocata da Baldini: Greco per Provenzano. Manarelli continua a strattonare impunemente Piccolo. Al 79° Calapai si perde Castaldo in area ma l'esperto attaccante controlla male il pallone e l'azione sfuma, capovolgimento di fronte con Russini che brucia il tempo al proprio avversario e viene atterrato, per Maggio tutto regolare, ma l'azione prosegue e Moro guadagna un calcio di punizione dal limite. Batte Piccolo, conclusione alta. Minuto numero 82: ultima sostituzione in casa Paganese, con Schiavino al posto di Schiavi. All'83° ennesimo miracolo di Baiocco: cross dalla destra di piccolo, perfetto inserimento e stacco di testa di Greco, ma il portiere azzurrostellato devia in angolo. Sul corner Monteagudo tutto solo sul secondo palo manda debolmente fuori. All'89° preziosismo di Castaldo che con un tacco libera il contropiede di Diop, il quale punta l'area avversaria, salta Monteagudo che lo atterra e si becca un giallo. Punizione dal limite per i padroni di casa. Maggio intanto assegna 5' di recupero. Zito calcia e palla sull'esterno della rete. Al 92°, sugli sviluppi di una punizione, ci prova Russini con un destro dal limite, Baiocco c'è. Ultimi secondi, Ercolani si sgancia in avanti e guadagna una punizione dal limite grazie aduna deviazione col braccio di Volpicelli su una sua conclusione. Ci prova Maldonado, Baiocco controlla. La Paganese porta a casa i tre punti, nonostante l'inferiorità numerica.