Trapani-Catania, presentazione: Chi sarà l'anti-Lecce?

Rossazzurri sotto la curva a festeggiare la vittoria sull'Akragas

Rossazzurri sotto la curva a festeggiare la vittoria sull'Akragas  Foto: CalcioCatania.com

Nella giornata in cui riposa il Lecce capolista i rossazzurri saranno ospiti dei granata al "Provinciale"

ANTICIPO AL VENERDÌ
La diciassettesima giornata del Girone C della Serie C propone un big match tutto siciliano. Al "Provinciale" di Erice si disputerà Trapani-Catania. La gara si giocherà in anticipo, venerdì 1 dicembre alle 20.45. Etnei secondi in classifica con 34 punti, a meno 3 dal Lecce che osserverà il proprio turno di riposo; Trapani terzo con 31 punti. L’incontro è stato affidato alla direzione del sig. Prontera della sezione di Bologna con il quale ci saranno gli assistenti Marchi e Saccenti.

TRAPANI: ZERO NELLA CASELLA DELLE SCONFITTE IN CASA
I granata, dopo aver raggiunto la storica promozione in cadetteria nella stagione 2012/2013 e dopo quattro campionati di Serie B con la finale play-off persa contro il Pescara nel 2016, sono ritornati in terza serie a causa della retrocessione dello scorso maggio. Con mister Calori la squadra del presidente Morace in quindici giornate ha ottenuto 9 vittorie e 4 pareggi, 2 le sconfitte: con il Lecce (2-1) e con il Racing Fondi (1-0), entrambe fuori casa. Il Trapani è ad oggi la squadra con il miglior attacco del girone con 28 reti realizzate, una in più dei salentini e due in più del Catania; 12 sono le reti subite. In casa i siciliani insieme al Lecce sono le uniche due squadre ad essere ancora imbattute nel Girone C, 6 sono le vittorie (Trapani-Siracusa 1-0, Trapani-Casertana 2-1, Trapani-Reggina 3-0, Trapani-Akragas 1-0, Trapani-Rende 4-0, Trapani-Virtus Francavilla 3-1), due i pareggi (0-0 con la Sicula Leonzio, 3-3 con il Catanzaro). In due occasioni in questa stagione, con il Catanzaro in casa e con il Matera in trasferta, gli uomini di Calori hanno subito altrettanti blackout: in vantaggio 3-0 si sono fatti raggiungere. I granata sono reduci dalla vittoria nell’ultimo turno in quel di Andria contro la formazione padrona di casa: 0-1 il finale con gol a cinque minuti dal 90’ dell’esterno Alberto Rizzo, che regala alla sua squadra la seconda vittoria di fila e il settimo risultato utile consecutivo. L’ultima sconfitta risale a otto giornate fa con il Fondi. I migliori realizzatori della squadra della città del sale sono Murano con 5 marcature, Evacuo e Reginaldo con 4. Tre reti le ha invece messe a segno il difensore centrale Tommaso Silvestri, arrivato in estate dalla Spal. Tra le fila del Trapani vi è anche Manuel Marras (15 presenze e un gol), nella scorsa stagione protagonista con l’Alessandria.

CATANIA: MATCH CLOU CON TRE PASSI DALLA VETTA
Per i rossazzurri in questa giornata di campionato si presenta un’occasione davvero ghiotta: poter agganciare il Lecce in vetta alla classifica. Ma per far ciò necessita una vittoria in quel di Trapani, contro l’altra delle tre favorite per la vittoria del girone. Sulla gara con i granata Lucarelli è stato piuttosto chiaro fin dal dopogara di sabato sera: «Trapani? Dal punto di vista mentale deve essere preparata come tutte le altre. Dal punto di vista motivazionale si prepara da sola. Qualunque sia il risultato finale di Trapani non sarà decisivo, il campionato si deciderà all’ultima curva. La classifica è cambiata, ma conta poco: l’importante è giocare con il giusto atteggiamento. Non dobbiamo concentrarci sulla classifica, sarebbero energie sprecate. A me non interessa essere primo adesso, io voglio essere in testa ad Aprile». La classifica è cambiata afferma il tecnico livornese, ebbene sì: dal meno 5 sui salentini il Catania grazie al successo sull’Akragas e al pareggio del Lecce a Fondi si è portato a tre lunghezze dalla capolista. Sabato scorso al "Massimino" è arrivata la vittoria per 2-0 sugli agrigentini, in virtù delle reti di Di Grazia (terza marcatura in stagione) e Curiale (sesto gol, a meno uno dalla vetta occupata da Di Piazza e Genchi). Entrambi i marcatori hanno realizzato anche i due assist vincenti per il compagno. Per i rossazzurri, che nell’attuale campionato hanno vinto tutte le gare di novembre, si è trattata della quinta vittoria di fila. Fuori casa gli etnei e il Siracusa sono le due squadre con più successi, 5; 2 le sconfitte per il Catania. Insieme a quello del Lecce l’attacco rossazzurro è in trasferta il più prolifico del girone con 12 reti realizzate. Nella partita con i trapanesi ci saranno tre ex tra le fila dell’elefante: Caccetta, Fornito e Curiale.

"TUTTO PUÒ SUCCEDERE"
Con la capolista che riposa e con le due inseguitrici, seconda e terza, che si affronteranno nello scontro diretto di venerdì, vediamo come potrebbe nuovamente cambiare la classifica a seconda di ognuno dei tre risultati possibili: in caso di vittoria i padroni di casa raggiungerebbero gli etnei a quota 34 e si porterebbero anch’essi a meno tre dal Lecce; il pareggio porterebbe il Catania a meno due dal Lecce e il Trapani a meno 5; se dovessero spuntarla i rossazzurri staccherebbero i granata di sei punti e aggancerebbero i pugliesi in vetta alla classifica.
L’incontro Trapani-Catania verrà trasmesso in diretta televisiva dall’emittente Sportitalia, canale 60 del digitale terreste e 225 della piattaforma Sky.