Sottil: "Test assai utile, ne servirebbero altri"

Mister Andrea Sottil

Mister Andrea Sottil  Foto: Nino Russo

Le dichiarazioni di mister Sottil raccolte in sala stampa al termine della gara con la Vibonese

Le parole di mister Andrea Sottil raccolte nella sala stampa del “Massimino” al termine della gara contro la Vibonese, conclusa con la vittoria degli etnei per 1-0: “Quel che sarà lo scopriremo il sette settembre. È chiaro che in questa categoria, ovvero la Serie C, le partite saranno simili a quella di questa sera. Noi ci stiamo allenando ripetendo e ripetendo quelle che saranno quelle situazioni di gara che si andranno a creare. Quella di stasera ne è il classico esempio, con una squadra, la Vibonese, schierata tutta sotto la linea della palla. Lo sapevo, me lo aspettavo. Quindi, noi dobbiamo fare partite così come quella che abbiamo fatto questa sera, chiaramente migliorando determinati aspetti. È chiaro però che per avere una certa intensità servirebbe giocare più partite proprio con questo genere di avversario. Stasera ho visto delle buone cose: la voglia di stare corti, abbiamo recuperato un sacco di seconde palle, abbiamo creato delle situazioni per fare gol anche se dobbiamo migliorare nell’incisività davanti la porta. A parte una sbavatura nel primo tempo la squadra si è difesa bene, è stata alta. Un buon test sicuramente, speriamo di trovare sabato prossimo un altro avversario simile per un test come questo”.

Il tecnico piemontese si è poi soffermato sugli esterni bassi:“La società mi ha messo a disposizione un organico competitivo, è una fortuna per un allenatore. I giocatori sono consapevoli di esser in competizione, soprattutto nel ‘gioco’ delle coppie. Parlando di esterni bassi, Ciancio, Calapai, Baraye e Scaglia, sono tutti titolari, ognuno con le proprie caratteristiche. Abbiamo scelto volutamente dei terzini con queste caratteristiche, di gamba, proprio perché devono attaccare, spingere, fare sovrapposizioni continuamente. Baraye si è fatto trovare pronto, è un giocatore che abbiamo voluto, così come Scaglia, per completare il pacchetto degli esterni bassi. Dobbiamo crescere, ma abbiamo delle potenzialità importanti”.

Una battuta sulle condizioni di Marco Biagianti uscito anzitempo dal rettangolo di gioco: “Marco – ha proseguito mister Sottil – ha avvertito un leggero fastidio nel riscaldamento sulla parte interna del ginocchio. Niente di particolarmente preoccupante”.

Marotta e Curiale insieme: “Sono due attaccanti dalle caratteristiche simili ma possono anche coesistere come coppia vera e propria, anche in un 4-2-3-1 che si trasforma in 4-4-2. È una soluzione sicuramente molto valida”.