Cavese-Catania, ex: Barozzi, Chinellato e Crusco un terzetto da promozione...

Catania 1982-83

Catania 1982-83  Foto: CalcioCatania.com

Nuovo appuntamento con la rubrica dedicata agli ex passati e presenti

TRIPLO ACQUISTO
Il periodo d’oro del calcio metelliano si attesta nella prima parte degli anni ottanta. Il 1981 è l’anno della prima (ed unica) storica promozione in Serie B targata Rino Santin - tecnico che anni dopo, nel 1987-88, allenò per qualche mese il Catania –, giunta proprio l’anno dopo del ‘salto’ dell’Elefante con De Petrillo. La cadetteria rimane al “Simonetta Lamberti” per tre annate, nelle quali gli aquilotti collezionano un brillantissimo sesto posto al termine del campionato 1982-83. Una stagione iniziata con una tripla cessione proprio al Catania. È l’estate 1982, quella dell’Italia di Enzo Bearzot campione del mondo, quando da Cava de’ Tirreni arrivano in rossazzurro un difensore, un centrocampista e un attaccante. Si tratta di Giacomo Chinellato, Antonio Crusco e Roberto Barozzi, quest’ultimo a segno proprio alla sua ex squadra nel match vinto dagli etnei per 2 a 0 nel marzo 1983. A fine stagione l’apporto degli ex blufoncé risulta determinante nella promozione in Serie A dell’Elefante, giunta nei tiratissimi spareggi romani con Como e Cremonese.

EX ATTUALI
Rispetto alla gara di andata, nella quale non vi erano doppi ex attuali, la gara del “Simonetta Lamberti”, in programma domenica 28 aprile alle ore 15, vedrà in campo fra i campani un calciatore dal passato rossazzurro. Si tratta del difensore Loris Bacchetti, classe 1993, transitato a Catania nella prima parte della stagione 2015-16, totalizzando appena una presenza in campionato. Assai positivo l’impatto in blufoncé del difensore di Guardiagrele, contraddistinto da 12 presenze e 2 reti.

Loris Bacchetti in azione a Torre del Grifo nell'estate 2015 



MI RITORNI IN MENT…EX
Classica carrellata finale con gli altri doppi ex del passato. Fra i portieri, l’unico rappresentate, è Dario Marigo, estremo difensore del Catania dalla stagione 1984-85 alla 1987-88. Lasciato il rossazzurro, dopo 90 presenze, l’approdo proprio a Cava de’ Tirreni. Grande affollamento nel reparto arretrato, dove spicca l’indimenticato Vincenzo Del Vecchio (n biancoblu nel 1989-90, in rossazzurro nel 1990-92 e nel 1994-96). Spazio anche a Gianni Di Rocco, al Catania nel 2001 dopo aver trascorso la prima parte di stagione proprio in Campania; Massimo Gregori, al Catania nel 1983-84 e successivamente in biancoblu; Tommaso Napoli; Vincenzo Marino; Pier Luigi Nicoli, alla Cavese nella stagione 1984-85, al Catania nel 1991-92; Fabrizio Salvatori; Roberto Pidone, al Catania nel 1984-85 (33 presenze e una rete), protagonista con la maglia dei metelliani di oltre 200 presenze. Capitolo a parte per Adriano Polenta, marchigiano di Osimo, 100 gettoni nella Cavese dal 1979 al 1982, al 179 presenze e 14 reti in rossazzurro dal 1984 al 1989.

Adriano Polenta, il "rosso" sulla sinistra, in un Lazio-Catania del 1986-87 



In mediana, rigorosamente in ordine alfabetico, trovano posto Ciro Bilardi, alla Cavese nel 1982-83, al Catania nella stagione seguente; Pasquale Casale, al Catania dal 1979 al 1981, a Cava de’ Tirreni come tecnico nel 2001; Ennio Mastalli, rossazzurro dal 1982 al 1985 e nella stagione 88-89, in biancoblu nel 1989-90; Pietro Puzone e il catanese Giuseppe Russo. In avanti figuranoDomenico De Pierro, giunto a Catania dalla Cavese nell’estate del 1964; stesso percorso per Roberto Mandressi, ribattezzato dal Nils Liedholm il Rensenbrink della Brianza, prelevato dalla società campana nell’estate del 1985. Dulcis in fundo Alessandro Ambrosi, alla Cavese nella Serie C2 1997-98 (anno in cui vinse la classifica dei cannonieri), al Catania dal gennaio al giugno del 2001.

Terzetto in panchina dove spicca Pietro ‘Rino’ Santin, protagonista a Cava de’ Tirreni dal 1980 al 1983 (con tanto di promozione nel 1981), dal 1988 al 1990 e nella stagione 1995-96. Poca fortuna sulla panchina rossazzurra, esperienza vissuta nella parte centrale della stagione 1987-88 dalla decima alla ventiduesima giornata. Nella metà degli anni novanta emerge la figura di Mario Russo, tecnico del Catania per parte della stagione 1995-96; alla Cavese nel 2001-02. Dulcis in fundo l’argentino Aldo Luigi Ammazzalorso, tecnico del Catania dalla prima alla sedicesima giornata della Serie C1 edizione 2001-02; alla Cavese nel 2007-08.

L'esultanza di Alessandro Ambrosi dopo il primo gol al Messina nel 2-0 al "Celeste" del febbraio 2001