Catania: l'imbattibilità di Pisseri sale a quota 514 minuti

La grinta di Matteo Pisseri

La grinta di Matteo Pisseri  Foto: Nino Russo

Focus sul momento positivo dell'estremo difensore rossazzurro, giunto a 72' minuti dal suo record di imbattibilità

A -72’ dal record personale
Nel felice momento del Catania, giunto al secondo posto (in coabitazione col Trapani) grazie alle tre vittorie consecutive di fine anno con Cavese, Rieti e Monopoli, risalta l’ottimo stato di forma della retroguardia rossazzurra – la seconda meno perforata del Girone C, con 12 reti (insieme ai biancoverdi appena battuti) – e nella fattispecie il prolungamento dell’imbattibilità del portiere Matteo Pisseri. Finito sulla graticola dopo il clamoroso errore di Bisceglie, che costò i tre punti agli etnei, l’estremo difensore parmense è ritornato ai suoi (alti) livelli. Dalla rete del nerazzurro Starita, giunta al minuto 26’, Pisseri ha mantenuto la propria rete inviolata nelle successive cinque gare con Virtus Francavilla (1-0), Sicula Leonzio (0-0), Cavese (5-0), Rieti (1-0) e Monopoli (2-0), prolungando la propria imbattibilità a 514 minuti. Una serie utile di tutto rispetto che al momento permette al buon Matteo di eguagliare quanto fatto da Roberto Sorrentino nella stagione di grazia 1982-83, conclusa con la promozione degli etnei di Gianni Di Marzio in A. Numeri alla mano, Pisseri è a 72 minuti dal suo personale primato di imbattibilità in maglia rossazzurra stabilito nella scorsa stagione, quando rimase imbattuto per 586 minuti. Per quanto riguarda la vetta, occupata dal diabolico 666 stabilito da Gigi Muraro nella stagione 1977-78, ci sono ancora152 minuti...

Da sx verso dx: Roberto Sorrentino, Marco Onorati, Armando Pantanelli e Matteo Pisseri alla "Mostra dello Sport Catanese" 



Bisceglie è già dimenticata
Senza l’infortunio tecnico del “Gustavo Ventura” la striscia positiva poteva esser ancor più alta. Infatti, a conti fatti, l’ultimo gol “vero” incassato da Pisseri è quello del catanzarese Giannone al minuto 75’ della gara interna coi calabresi dello scorso 11 novembre. Dopo il match coi giallorossi di Auteri la porta del numero 12 rossazzurro rimase inviolata nelle successive gare con Juve Stabia (0-0) e Reggina (1-0) fino al già citato episodio in terra biscegliese. È altrettanto vero, però, che se il reatino Maistro, invece di colpire clamorosamente la traversa da posizione vantaggiosissima, avesse abbassato la mira di qualche centimetro, o se il metelliano Sciamanna non avesse fallito un paio di ghiotte occasioni sullo 0-0 di Catania-Cavese, a quest’ora si parlerebbe di altro. Questo è il calcio, con tutti i suoi episodi determinanti. Al di là dei numeri, dei record, delle gratificazioni e delle statistiche d’almanacco, ciò che conta è che nel processo di rinascita del Catania di Andrea Sottil – rinato col passaggio al 4-3-3, è impossibile negarlo – vi è anche il prepotente ritorno di Matteo Pisseri, punto di riferimento fondamentale nelle ultime tre stagioni. Le parate con il Monopoli, decisive ai fini del risultato finale, rappresentano la conferma tanto attesa: Bisceglie è già dimenticata.

Nel dettaglio le migliori serie di imbattibilità stabilite dai portieri del Catania:

666 minuti: Gigi Muraro (Serie C 1977-78)
629 minuti: Rino Rado (Serie B 1972-73)
628 minuti: Amedeo Rega (Serie C 1948-49)
593 minuti: Zelico Petrovic (Serie C 1974-75)
588 minuti: Gennaro Iezzo (Serie C1 1999-00)
586 minuti: Matteo Pisseri (Serie C 2017-18)
555 minuti: Dario Marigo (Serie B 1984-85)
548 minuti: Gigi Muraro (Serie C 1977-78)
544 minuti: Enrico Nieri (Serie C1 1988-89)
542 minuti: Marco Onorati (Serie C1 1985-86)
537 minuti: Rino Rado (Serie B 1969-70)
532 minuti: Ferro Tontini (Serie C1 1992-93)
514 minuti: Roberto Sorrentino (Serie B 1982-83)
514 minuti: Matteo Pisseri (Serie C 2018-19)