Catania-Virtus Francavilla 2-1: Buona la prima al 'Massimino'

Costa non trattiene il velenoso tiro di Sarno che vale la vittoria dei rossazzurri

Costa non trattiene il velenoso tiro di Sarno che vale la vittoria dei rossazzurri  Foto: Nino Russo

Il racconto del debutto casalingo in campionato dei rossazzurri, terminato con un successo grazie ai gol di Lodi e Sarno

TABELLINO
CATANIA-VIRTUS FRANCAVILLA 2-1
Marcatori: Perez al 25', Lodi su rigore al 38', Sarno al 64'

CATANIA (4-3-3): Furlan; Calapai, Silvestri, Saporetti, Pinto (dal 74' Marchese); Dall'Oglio (dal 74' Llama), Lodi, Welbeck; Sarno (dall'85' Catania), Di Piazza (dall'86' Curiale), Di Molfetta (dal 64' Mazzarani). A disp.: Martinez, Biondi, Noce, Mbende, Marchese, Biagianti, Bucolo, Mazzarani, Llama, Curiale, Catania, Rossetti. All: Camplone

VIRTUS FRANCAVILLA (3-5-2): Costa; Delvino (dall'80' Pino), Tiritiello, Caporale; Albertini, Tchetchoua (dal 64' Mastropietro), Zenuni, Gigliotti (dall'80' Puntoriere), Sparandeo (dal 63' Nunzella); Vazquez (dall'80' Baclet), Perez. A disp.: De Luca, Sottoriva, Nunzella, Pino, Marino, Calcagno, Marozzi, Mastropietro, Baclet, Puntoniere. All: Trocini

ARBITRO: Alessandro Di Graci di Como.

ASSISTENTI: Pietro Lattanzi di Milano ed Alessandro Maninetti di Lovere

AMMONITI: Tchetchoua al 16', Saporetti al 24', Delvino al 60', al 66' Gigliotti, all'84' Puntoriere

ESPULSI: Trocini

RECUPERO: 0 pt; 6 st

INDISPONIBILI: Barisic

SQUALIFICATI: Esposito; Bovo

DEBUTTO CASALINGO
Reduce dalla larga vittoria di Avellino i rossazzurri di mister Andrea Camplone, nel debutto casalingo, ospitano la Virtus Francavilla di Bruno Trocini. I pugliesi nel turno precedente sono stati bloccati sull'1-1 dalla Reggina fra le mura amiche. Calcio d'inizio alle ore 17.30.

DIREZIONE DI GARA
Direzione di gara affidata al signor Alessandro Di Graci, della sezione A.I.A. di Como. Il fischietto lariano, alla prima direzione coi rossazzurri, in campo sarà coadiuvato dagli assistenti Pietro Lattanzi di Milano ed Alessandro Maninetti di Lovere. Per il fischietto lariano si tratta della prima direzione con il Catania.

LE SCELTE INIZIALI
Nel Catania mister Andrea Camplone, ancora privo dello squalificato Esposito (secondo ed ultimo turno di stop per il centrale di Galatina), ritrova Calapai e capitan Biagianti, con quest'ultimo che dovrebbe partire dalla panchina. Non convocati Rizzo, Fornito, Liguori, Brodic e Barisic. Formazione di partenza, impostata con il classico 4-3-3, che dovrebbe ricalcare quella vista al "Partenio" domenica scorsa.
In casa biancazzurra mister Bruno Trocini, alla seconda stagione sulla panchina della Virtus, dovrà fare a meno del centrocampista Bovo, squalificato dopo il 'rosso' rimediato con la Reggina. Nel 3-5-2 di partenza non c'è spazio, almeno dall'inizio, per ex Leonardo Nunzella. Sulla fascia sinistra ci sarà il giovane Sparandeo; coppia offensiva composta da Vazquez e Perez.

PRIMO TEMPO
Padroni di casa in avanti da sinistra verso destra con il tradizionale completo rossazzurro, ospiti in maglia nero-verde e pantaloncini bianchi. Applausi del pubblico del "Massimino" per un intervento di Silvestri a centrocampo.
All’8’ Di Piazza, ben servito in area, prova a colpire la sfera con l’esterno destro, il tiro è bloccato facilmente da Costa. Su capovolgimento di fronte occasione per Vazquez che calcia verso la porta difesa da Furlan, ma il tiro è rimpallato e deviato in angolo dalla difesa etnea.
Occasione per il Catania: punizione da metà campo calciata dal solito Ciccio Lodi, in area si libera Silvestri, il quale calcia debolmente tra le braccia del portiere ospite.
Al 13’ buon inserimento di Caporale all’interno dell’area di rigore catanese, il difensore riesce a superare Furlan ma viene fermato per offside da uno degli assistenti del sig. Di Graci di Como.
Ancora Vazquez al 15’ ci prova con un diagonale col piede sinistro, il pallone finisce abbondantemente fuori. Al 16' primo giallo per i pugliesi: ammonito Tchetchoua per un duro fallo a centrocampo.
Dagli sviluppi di un angolo scaturisce un’occasione per Calapai, il suo tiro è rimpallato dalla difesa avversaria e la sfera finisce nuovamente in corner.
Primo ammonito anche tra le file del Catania, giallo per Saporetti.
Angolo per la Virtus al minuto numero 27: pallone calciato dalla sinistra, piazzato sul primo palo c’è Perez che di testa insacca. Ospiti in vantaggio al "Massimino"
Alla mezzora gran palla di Sarno per Di Piazza che sembra scappare ma al momento del tiro viene fermato da un difensore della formazione in maglia nero-verde. Un minuto dopo ancora un'occasione per il Catania, sull’asse Welbeck-Di Piazza: il centrocampista imbecca il numero 9 che ci prova con una semirovesciata, la palla finisce alta.
Rigore per il Catania al 38': Welbeck viene steso all'interno dell'area di rigore pugliese. Lodi sul dischetto. Portiere da una parte, palla dall'altra, il Catania pareggia con Lodi, che trasforma dagli undici metri. Per il regista campano si tratta della rete numero 47 con la maglia del Catania, in virtù della quale aggancia Guido Klein e Loriano Cipriani nella classifica dei bomber rossazzurri post-46.



Al 41' i rossazzurri hanno l'opportunità di passare in vantaggio, ma Di Piazza si fa ipnotizzare da Costa.
Al 45’ Perez calcia in diagonale nell’area rossazzurra, il tiro finisce fuori. Senza recupero finisce la prima frazione di gioco: Catania e Virtus Francavilla vanno all’intervallo con il punteggio di 1-1. Gli ospiti, come aveva previsto ieri il mister Camplone, si sono fin da subito mostrati ostici, aggressivi e compatti. Dopo il gol del vantaggio il Catania ha saputo reagire, conquistando il pareggio e sfiorando il vantaggio.

SECONDO TEMPO
Dopo tre minuti dall’inizio della ripresa i padroni di casa confezionano una bella azione che si conclude con un cross di Welbeck, Di Piazza non ci arriva e il pallone si spegne sul fondo.
Episodio dubbio al 52’: Gigliotti finisce giù all’interno dell’area etnea, l’arbitro con decisione dice che si può continuare. L’azione prosegue e Di Piazza spreca un’altra palla gol, che si va a sommare a quelle del primo tempo. Intanto vengono espulsi un componente della panchina della Virtus Francavilla e il tecnico dei pugliesi Bruno Trocini.
Al 64' l'Elefante passa in vantaggio: tiro velenoso dal limite dell'area da parte di Sarno, l'estremo difensore del Francavilla non trattiene e la palla finisce in rete. 2-1 Catania!
Un minuto più tardi ancora un'opportunità per Di Piazza, oggi sfortunato, tiro respinto da Costa.
Mazzarani al 68' ci tenta con un tiro a giro, blocca senza patemi il numero 22 ospite.
Intanto salgono a 4 gli ammoniti dell’incontro, sul taccuino dei cattivi finiscono Delvino e Gigliotti. Mastropietro, nel frattempo, sostituisce Tchetchoua che ha rimediato un’ammonizione nel primo tempo.
Bella azione sull’asse Di Piazza-Sarno-Mazzarani, la conclusione del numero 32 finisce alta di poco.
Intanto il Catania ha effettuato tre cambi: Mazzarani per Di Molfetta, Llama per Dall’Oglio e Marchese per Pinto.
Galoppata di Llama alla mezzora, ma l’argentino arriva stanco al tiro e conclude debolmente tra le braccia di Bryan Costa.
Il Catania esaurisce i cambi. A 5 minuti dal 90' Curiale e Lele Catania rilevano rispettivamente Di Piazza e Sarno.
Il direttore di gara concede sei minuti di recupero.
Occasionissima per la Virtus, che stava per gelare il "Massimino", gran parata di Furlan, poi gli ospiti sprecano con un tiro alto sopra la traversa di Zenuni.
Emanuele Catania sfiora il gol all'ultimo minuto di recupero, tiro sull'esterno della rete.
Finisce la partita: il Catania batte 2-1 la Virtus Francavilla e già si lascia alle spalle Bari e Catanzaro: pugliesi sconfitti in casa dalla Viterbese, calabresi fermati dal pari in casa del Bisceglie.