Catania-Sicula Leonzio, presentazione: Antipasto di coppa...

Andrea Russotto, alla terza stagione in rossazzurro

Andrea Russotto, alla terza stagione in rossazzurro  Fonte: CalcioCatania.com

La presentazione della gara di Coppa Italia tra etnei e lentinesi

DEBUTTO UFFICIALE
Finalmente ci siamo! Vacanze finite! Per i tifosi dell’elefante è ritornato il momento di sostenere, col cuore e con l’anima, come sempre, la loro fede. Domenica 13 agosto alle 20.30 allo stadio "Angelo Massimino" si giocherà la prima gara ufficiale della stagione. Non è ancora campionato, ma la prima di Coppa Italia di Serie C darà modo di vedere a che punto è il lavoro svolto fin qui dagli uomini di Cristiano Lucarelli. L’avversario sarà la Sicula Leonzio dell’ex Pino Rigoli: scherzo del destino, la prima ufficiale degli etnei sarà contro la compagine del tecnico di Raccuja che lo scorso anno, sulla panchina del Catania, conquistò 42 punti (sul campo, da non dimenticare i 7 punti di penalizzazione), frutto di undici vittorie, nove pareggi e cinque sconfitte. I rossazzurri sono stati inseriti nel Girone L con i lentinesi e l’Akragas che riposerà in questa prima giornata. La sfida tra Catania e Sicula Leonzio sarà diretta da Pasciuta della sezione di Agrigento, coadiuvato da Poma e Cortese.

CATANIA, A CHE PUNTO SIAMO?
La gara di domenica sera darà le prime risposte sulle condizioni post ritiro della squadra allenata dall’ex bomber del Livorno. Il ritiro è terminato da circa una settimana ma la squadra ha continuato a lavorare con intensità a Torre del Grifo. Il campionato si avvicina, si parte il 26 agosto, pertanto bisogna testare le condizioni della squadra. Quale migliore occasione se non la Coppa Italia di categoria. I rossazzurri affronteranno dunque una pari grado, cosa che durante il ritiro è avvenuta in una sola occasione, nell’"allenamento condiviso" con la Reggina. Per il resto le amichevoli svolte sono state contro avversarie di categoria inferiore: Paternò (ripescato in Eccellenza), Giarre (Eccellenza), Troina (Serie D), Equipe Sicilia (squadra di giocatori svincolati) e per ultimo il Caltagirone (ripescato in Eccellenza). Vedremo dunque come sarà l’approccio contro una squadra che tra l’altro è stata inserita, in campionato, nello stesso girone degli etnei, così come l’Akragas, che sarà l’altra avversaria di coppa. In settimana Pietro Lo Monaco aveva dichiarato che la squadra fosse completa al 99%, evidentemente quell’1% che mancava era Francesco Ripa, il quale sembrava definitivamente sfumato ma che invece è giunto proprio ieri a Torre del Grifo dove ha firmato un contratto biennale con la società di Via Magenta. Pertanto la squadra è adesso completa, con almeno due uomini per ruolo, merito del duo Lo Monaco-Argurio che hanno consegnato al loro tecnico una rosa completata con ampio anticipo rispetto ai primi impegni ufficiali, con la ciliegina sulla torta, quel bomber tanto agognato ma che sembrava ormai non dover arrivare più, che giunge alla vigilia della prima uscita. Lucarelli avrà fin dal debutto ufficiale l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda gli uomini da mandare in campo, secondo lo schema sul quale ha principalmente lavorato in questi mesi, il 3-5-2.

SICULA LEONZIO: PRONTA PER LA C?
Domani sera al "Massimino" prima uscita ufficiale anche per la Sicula Leonzio, matricola del Girone C di Serie C e vincitrice dello scorso campionato di Serie D dove alla guida tecnica della squadra c’era Ciccio Cozza. Per il ritorno in terza serie il presidente Giuseppe Leonardi ha deciso di affidare i suoi calciatori a Pino Rigoli, che ritroverà il Catania ma da avversario, dopo l’esonero della scorsa stagione avvenuto alla 25ª giornata dopo la sconfitta di Agrigento. Dunque sono tanti i temi che accompagnano la vigilia di questo match, tra i quali sicuramente la voglia di rivalsa da parte dell’ex tecnico dei rossazzurri, che in cuor suo vorrà fare uno sgambetto in coppa a chi lo aveva scelto in precedenza; e poi c’è di certo la voglia di ben figurare da parte degli uomini che il mister di Raccuja deciderà di mandare in campo, il "Massimino" è pur sempre un palcoscenico prestigioso e altrettanto prestigioso è l’avversario di nome Catania. La società lentinese si è mossa tanto e con cura nel mercato, sono partiti Scoppetta, Savanarola e Marino, sono arrivati in tanti, più di venti gli acquisti: dagli ex Catania De Rossi e Tavares, a Bonfiglio, Giuliano e Monteleone arrivati dal Palermo, Narciso (portiere) dal Foggia, Squillace dal Fondi, Esposito dalla Juve Stabia; gli ultimi due colpi sono quelli di Pollace dalla Lazio e D’Angelo ex Matera e Fondi. Nel precampionato i lentinesi hanno avuto l’onore di affrontare una compagine che milita nel massimo campionato, il Crotone: sconfitta di misura e su calcio di rigore per gli uomini di Rigoli che hanno ben figurato. Queste le parole del tecnico bianconero alla vigilia della gara con gli etnei: «domani contano i tre punti, prima verifica con una squadra forte. Insieme al Lecce secondo me il Catania è la squadra che è stata allestita meglio, per noi è un test importante e possiamo avere una verifica di quanto fatto fino ad ora».

REGOLAMENTO
La partita di domenica sera al "Massimino" varrà dunque tre punti, la squadra che uscirà sconfitta affronterà l’Akragas alla seconda giornata, in trasferta se a perdere sarà il Catania, in casa se a perdere domani sarà la Leonzio. In caso di parità tra etnei e lentinesi un punto a testa e la partita della seconda giornata sarebbe Sicula Leonzio-Akragas.