Catania 2018/19: i numeri di maglia "ai raggi X"

Maglia numero 5 per il nuovo acquisto Tommaso Silvestri

Maglia numero 5 per il nuovo acquisto Tommaso Silvestri  Foto: CalcioCatania.com

Focus su conferme, modifiche e novità delle casacche che indosseranno i rossazzurri nel prossimo campionato.

Il primo impegno ufficiale non si terrà prima del week-end del 15 e 16 settembre. La categoria di appartenenza è ancora ignota per poco meno di 24 ore. Eppure il Catania, tagliando la testa al toro e anticipando i tempi, nella giornata di ieri ha reso nota la numerazione ufficiale degli atleti della prima squadra per la stagione 2018/19.
Un primo dato indicativo è legato al fatto che è stato attribuito un numero a tutti i componenti dell’organico, compresi i giovanissimi che non hanno trovato sistemazione in prestito. Si tratta, in particolare, di Biancola (n° 2), Bonaccorsi (n° 13), Alessio Rizzo (n° 29) ed il classe ‘2000 Mujkic (n° 24). In questo senso, un segnale di attestazione di stima da parte della società nei loro confronti (accompagnato, magari, dall’auspicio di un loro esordio in prima squadra). Di “routine”, invece, l’assegnazione della casacca n° 22 al terzo portiere Fabiani.

Reduci del 2017/18: tante conferme, ma anche qualche modifica
Per quanto riguarda i giocatori “reduci” della stagione 2017/18, si sono registrate diverse conferme. Hanno infatti mantenuto il loro numero Pisseri (12), Aya (4), Marchese (che resta legato al 15, indossato l’anno della promozione in Serie A, dopo aver usato il 12 in massima serie ed il 16 nel primo semestre dopo il suo ritorno alle falde dell’Etna), Biagianti (col suo inseparabile 27), Lodi (con l’immancabile 10), Manneh (19), Brodic (14) e Curiale (11).
Allo stesso tempo, però, non sono mancate alcune novità. Barisic, in particolare, è passato al numero 7 lasciato libero dalla partenza di Russotto, più adeguato al suo impiego da ala destra. Negli anni precedenti, lo sloveno aveva alternato il 14 (nell’anno cadetto), l’11 (due stagioni fa) ed il 9 dello scorso campionato.
Modifica di numero anche per Di Grazia, che ha liberato il 23 in favore di Ciancio ed è passato al 25. Per il terzo anno consecutivo ha cambiato casacca Bucolo, il quale, dopo aver indossato il 4 ed il 17, ha virato sul 21.
Dopo il mancato esercizio del diritto di riscatto a giugno, nel mese di luglio è tornato a Catania a titolo definitivo Giuseppe Rizzo, che è passato dal 6 della scorsa stagione al 18 a più riprese utilizzato durante la sua carriera (a Reggio, Pescara, Perugia e Vicenza).
Chiude la lista dei cambi Lovric, che ha preso la maglia numero 3 (lo scorso anno aveva il 33, ma già nel 2014/15, quando era nel settore giovanile, aveva avuto “in dono” la n° 2 della prima squadra).

Diversi nuovi acquisti optano per numeri “fidati”
Molte curiosità suscitano le scelte dei nuovi arrivi. Il “cavallo di ritorno” Llama, seguendo il solco dei vari Biagianti, Marchese e Lodi, ha puntato sul 16 che tanto bene gli ha portato ai tempi del massimo campionato. Scelta obbligata per Alessandro Marotta, al quale è andato il 9, un numero che in realtà ha indossato di rado, sia nei campionati a numerazione fissa (a Bari per metà stagione nel 2013/14), sia in terza serie, dove ha spesso optato per il 10 (poi confermato nell’ultimo biennio a Siena) o l’11, a Catania occupati da Lodi e Curiale.
Numero inedito (il 28) per l’esperto Andrea Esposito, in passato legatissimo al 16, che ha utilizzato in quasi tutte le esperienze collezionate in A e nell’ultima stagione trascorsa al Cesena, ma al quale ha dovuto rinunciare vista la priorità riservata a Llama.
Rispetto all’ultimo campionato, “conferma” per Angiulli che ha preso il 6 già utilizzato a Terni. Casacca fidata anche per Luigi Scaglia, che ha optato per l’8, a lungo indossato a Brescia, oltre che a Latina e Parma.
Primo approccio col n° 5 per Silvestri, mentre hanno mantenuto il numero dello scorso campionato Calapai (che ha ripreso il 26 avuto a Carpi), Ciancio (affezionatosi al 23 nel biennio leccese) e Baraye (al quale è toccato il 17 che aveva alla Carrarese).
Vassallo ha abbandonato giocoforza il 27 - che a Catania è un’esclusiva di capitan Biagianti - ed opta per il 20. Chiude la carrellata il secondo portiere Pulidori, che ha approfittato dell’affetto nutrito da Pisseri per la maglia numero 12 per accaparrarsi il prestigioso n° 1.

Di seguito, l’elenco dei numeri di maglia dell’organico diviso per ruolo (in maiuscolo i nuovi acquisti):
Portieri: 12 Pisseri, 1 PULIDORI, 22 Fabiani.
Difensori: 26 CALAPAI, 4 Aya, 3 Lovric, 28 ESPOSITO, 5 SILVESTRI, 2 Biancola, 13 Bonaccorsi, 15 Marchese, 23 CIANCIO, 17 BARAYE.
Centrocampisti: 21 Bucolo, 27 Biagianti, 18 G.RIZZO, 10 Lodi, 6 ANGIULLI, 29 A.Rizzo, 8 SCAGLIA, 19 Manneh, 16 LLAMA.
Attaccanti: 7 Barisic, 25 Di Grazia, 20 VASSALLO, 14 BRODIC, 11 Curiale, 9 MAROTTA, 24 MUJKIC.