Calapai: "Dare una scossa alla classifica; il mister una sorta di mental coach"

Luca Calapai

Luca Calapai  Foto: Nino Russo

Le dichiarazioni dell'esterno rossazzurro in vista della gara di domenica con la Sicula Leonzio

Luca Calapai ha incontrato la stampa nel pomeriggio di oggi a Torre del Grifo. Di seguito le dichiarazioni dell'esterno rossazzurro:

«In passato avevo già fatto il ruolo che sto facendo adesso. In una posizione più avanzata, dove ho a disposizione tutta la fascia, mi trovo abbastanza bene.
La squadra è più serena quando arrivano i risultati, col mister abbiamo iniziato un percorso, arriviamo da due pareggi e dobbiamo cercare di raccogliere quanti più punti possibili. Si deve dare una scossa alla classifica. Non mi piace vederci lì e dobbiamo risalire.
La Sicula Leonzio è una squadra da non sottovalutare, sappiamo che giocherà al massimo delle sue possibilità e lo stesso dobbiamo fare noi, dobbiamo avere voglia, fame, ed imporci.
Non ho una preferenza di modulo, quando giochiamo col 4-3-3 posso avere un appoggio e fare sovrapposizioni, col 3-5-2 ho tutta la fascia a mia disposizione e attaccare di più la porta.
Lodi riesce a mandare in profondità qualsiasi giocatore, se tu fai qualsiasi movimento lui sa dove mettere la palla, per me è un vantaggio giocare con lui, mi facilita tanto, soprattutto per andare al cross.
C’era tanta voglia di giocare a Pagani, per sfatare il tabù fuori casa e perché venivamo da due pareggi consecutivi. Adesso pensiamo alla gara in casa e poi penseremo alle prossime trasferte, dove dobbiamo cambiare l’aspetto mentale.
A chi non piacerebbe diventare bandiera di una squadra, soprattutto di una piazza come Catania.
Il cambio di allenatore è un fallimento, noi giocatori abbiamo le nostre responsabilità. Lucarelli ha giocato a grandi livelli e riesce a confrontarsi con noi e mettersi nei nostri panni, è una sorta di mental coach».