Calaiò, parla l'agente:"Catania? Non ho sentito nessuno"

Emanuele Calaiò, al Catania nella stagione 2014-15

Emanuele Calaiò, al Catania nella stagione 2014-15  Fonte: Nino Russo

In esclusiva per CalcioCatania.Com Umberto Calaiò, fratello-agente di Emanuele, ha parlato del futuro del suo assistito

Nonostante la carta d’identità – 35 anni fatti lo scorso 8 di gennaio – Emanuele Calaiò è stato uno dei protagonisti principali della promozione del Parma in Serie B, con 15 reti e un apporto determinante anche nella finalissima dei play-off contro l’Alessandria, con tanto di assist al bacio in occasione della rete di Scavone. Un nome, quello dell’esperto attaccante palermitano, che nelle ultime settimane è stato accostato al Catania per un clamoroso ritorno in rossazzurro, dopo le 18 reti in 35 presenze realizzate nella Serie B 2014/15. In esclusiva per CalcioCatania.Com abbiamo ascoltato Umberto Calaiò, fratello nonché agente dell’attaccante: “È una voce che ho sentito anch’io, ma sinceramente non c’è stato alcun contatto con il Catania, anche perché non credo che possa essere il momento per fare un’offerta: il calciatore ha vinto il campionato, ha ancora due anni di contratto con il Parma, ha uno stipendio importante e non credo che il Catania in questo momento possa fare chissà quale sacrificio economico. Da questo punto di vista lo escludo”.

Il futuro di Emanuele Calaiò è ancora con la maglia crociata: “Emanuele è legato alla città di Catania, si è trovato bene. Nella vita mai dire mai, ma in questo momento è una possibilità da escludere assolutamente. Il ragazzo è felice di rimanere a Parma, ha raggiunto l’obiettivo prefissato ad inizio stagione (la promozione in B, ndr) e il suo sogno è quello di riportare i ducali in A così come fatto anni prima con il Napoli”.