Bisceglie-Catania 1-0: Brutto k.o. per gli etnei, ora a meno undici dalla vetta

Il gol di Starita che ha deciso il match del

Il gol di Starita che ha deciso il match del "Ventura"  Foto: CalcioCatania.com

Il tabellino e la cronaca del match del 'Ventura' tra nerazzurri e rossazzurri.

TABELLINO
BISCEGLIE-CATANIA 1-0
MARCATORI: Starita al 26'

BISCEGLIE (3-5-2): Crispino; Maestrelli, Markic, Calandra; Jakimovski (Raucci all' 85'), Onescu, Bottalico (all' 84' Toskic), Giacomarro, Risolo; Starita (al 94' Camporeale), Scalzone (al 72' De Sena). A disp.: Addario, Beghdadi, Raucci, Camporeale, Toskic, Sisto, Antonicelli, Messina, De Sena. All: Bruno

CATANIA (4-2-3-1): Pisseri; Ciancio, Aya, Silvestri, Scaglia (dal 73' Calapai); Biagianti, G. Rizzo (dal 66' Angiulli); Barisic (dal 60' Manneh), Lodi (dal 66' Curiale), Vassallo (al 45' Brodic); Marotta. A disp.: Pulidori, Calapai, Esposito, Baraye, Angiulli, Bucolo, Manneh, Brodic, Curiale. All: Sottil

ARBITRO: Ivan Robilotta di Sala Consilina

ASSISTENTI: Robert Avalos di Legnano ed Antonio Catamo di Saronno

INDISPONIBILI: Llama, Maccarrone.

SQUALIFICATI: Longo

AMMONITI: Ciancio all' 89'

ESPULSI:

RECUPERO: 1'; 5'

VITTORIA OBBLIGATA
Il Catania nel pomeriggio sarà di scena a Bisceglie, allo stadio "Gustavo Ventura", dove alle 16.30 affronterà i nerazzurri padroni di casa. Si gioca per la quindicesima giornata del Girone C della Serie C. I rossazzurri sono obbligati a vincere ‒ in realtà quando si ha come obiettivo quello di arrivare primi si deve cercare di vincere quante più partite possibili, ma sappiamo bene che non è per nulla semplice specie in un girone come quello meridionale della terza serie ‒ soprattutto dopo l’ennesimo successo della Juve Stabia in casa del Trapani, 1-2 ieri al "Provinciale". L’ Elefante, quinto in classifica con 24 punti, gli stessi del Catanzaro di Auteri che ha giocato una gara in più, è attualmente a meno 11 dal primo posto occupato dalle "vespe" di Fabio Caserta che però hanno due partite in più rispetto agli etnei. Per gli uomini di mister Sottil, che conquistando i tre punti scavalcherebbero il Trapani (momentaneamente terzo), sono 7 le vittorie in campionato, 3 i pareggi, 2 le sconfitte, mentre il rendimento esterno è di 3 vittorie, 3 pari e un k.o.; il Bisceglie è attualmente quartultimo, dopo il successo del Rieti sulla Paganese (4-1) nell’anticipo di ieri, con 11 punti: 2 vittorie, 5 pareggi e 7 sconfitte. In casa i pugliesi hanno ottenuto 10 punti, frutto di 2 successi e 4 pareggi, una la sconfitta interna.

CRONACA PRIMO TEMPO:
Catania in campo con la divisa gialla con richiami rossazzurri, il Bisceglie indossa la divisa nerazzurra. Prima del calcio d’inizio un minuto di raccoglimento per ricordare Gigi Radice, ex tecnico del Torino con il quale vinse uno scudetto e per l’assistente arbitrale Riccardo Pelagatti, scomparso prematuramente a soli 32 anni. Gli ospiti attaccano da destra verso sinistra. Al 3’ punizione dalla trequarti per gli etnei, Aya di testa impegna il portiere dei padroni di casa. Due minuti dopo primo angolo per l’undici di Sottil, ancora Aya di testa, sulla battuta di Lodi, palla questa volta sul fondo. In tribuna si fanno sentire i tifosi rossazzurri e all’ 8’ la loro squadra guadagna un altro angolo che finisce con un nulla di fatto. Al 17’ gara sempre sullo 0-0 e senza importanti occasioni da rete. Punizione per il Bisceglie al 18’, palla in area respinta coi pugni da Pisseri in fallo laterale. Fallo di mano di Risolo sulla metà campo, ma l’arbitro Robilotta di Sala Consilina fischia solo il fallo senza ammonire il centrocampista biscegliese. Al minuto 20 occasione per l’ Elefante: dal limite dell’area sinistro di Barisic, di poco alto sopra la traversa. Due minuti più tardi scambio Bottalico-Starita con quest’ultimo che crossa basso al centro, pallone tra le braccia di Pisseri. Al 24’ fallo di Bottalico su Marotta al limite dell’area di rigore pugliese, punizione per il Catania: batte Lodi col sinistro, la sfiora di testa Barisic e palla fuori. Al 26° clamoroso errore di Matteo Pisseri, che ricevuta palla da Ciancio, rinvia su Jakimovski, pallone sui piedi di Starita che di destro la mette in rete e porta in vantaggio il Bisceglie. Prova la reazione il Catania al 28’, servito Barisic sulla sinistra, lo sloveno calcia di destro, la conclusione va fuori. Al 31’ Barisic guadagna un angolo dalla sinistra, batte Lodi, mischia in area, palla tra le mani di Crispino. L’ undici in maglia gialla è stato stordito dal gol dei padroni di casa che alla prima occasione si sono portati in vantaggio. Il Catania non stava comunque brillando, anzi, faceva fatica a creare occasioni da gol. Al minuto numero 36 i rossazzurri protestano per un presunto mani in area nerazzurra, ma per il direttore di gara si deve continuare. Quarto angolo per i gialli, ancora sulla sinistra, si affretta Lodi alla battuta, colpo di testa di Aya e sfera ancora fuori. Terza occasione per il centrale dell’ Elefante che continua a non inquadrare lo specchio della porta. Al 39’ Giacomarro calcia dalla distanza, conclusione deviata in angolo, che si conclude con un fallo in attacco. Ci sarà un minuto di recupero. Con 15 secondi d’anticipo il signor Robilotta manda le due squadre negli spogliatoi. Brutto primo tempo, con un Catania che ha pagato a caro prezzo la disattenzione di Pisseri che ha permesso al Bisceglie di portarsi inaspettatamente in vantaggio. I padroni di casa hanno impostato la gara sul pressing, non permettendo agli avversari di rendersi particolarmente pericolosi. Nella ripresa urge un decisivo cambio di rotta.

CRONACA SECONDO TEMPO:
Il secondo tempo comincia con un cambio tra le fila del Catania: Brodic prende il posto di uno spento Vassallo, il modulo al momento rimane il 4-2-3-1 dei primi 45 minuti, con il solo Marotta come terminale offensivo. Al 51’ cross di Brodic dalla corsia di sinistra ma il pallone termina sul fondo. Due minuti più tardi Marotta è beccato in posizione irregolare, punizione per i padroni di casa dall’interno della propria area di rigore. Al 54° angolo per gli ospiti, il solito Lodi sul punto di battuta: la sfera finisce in fallo laterale. Al 55’ tiro di punta di Biagianti respinto in corner da Crispino. Il portiere pugliese si ripete con un ottimo intervento su colpo di testa di Silvestri, che si fa trovare pronto sugli sviluppi dell’angolo battuto da Lodi dalla sinistra. Al minuto 59 sgroppata di Jakimovski sulla corsia di sinistra, ma il suo cross termina in fallo laterale nella corsia opposta. Al quarto d’ora del secondo tempo Sottil decide di spendere il suo secondo cambio: Manneh sostituisce Barisic. Al 62’ punizione di Lodi dalla trequarti campo, ancora Silvestri, bravo a farsi trovare pronto, schiaccia di testa, ma Crispino respinge, subendo anche un fallo. Minuto numero 66, doppio cambio per gli etnei: ingresso in campo per Curiale e Angiulli, che prendono il posto rispettivamente di Lodi e Rizzo. Ancora un colpo di testa sul fondo di Aya, al 68’, sugli sviluppi di un corner battuto da Angiulli (dalla sinistra). Un minuto dopo il Bisceglie guadagna un angolo, che batte Jakimovski, decisivo in occasione del gol che fino a questo momento sta decidendo la partita: il corner si conclude con un fallo in attacco. Primo cambio per i nerazzurri stellati al 72’, fuori Scalzone dentro De Sena, mentre Sottil decide di ricorrere all’ultima sostituzione, tirando fuori Scaglia per Calapai. Occasione per l’ undici di Bruno con una conclusione di Giacomarro dal limite, palla che termina alta sopra la traversa. Al 79’ Marotta sull’esterno di sinistra crossa al centro, Curiale colpisce di testa ma anziché indirizzare in porta la mette in mezzo e la difesa dei pugliesi allontana senza problemi. Doppio cambio per mister Bruno: entrano Toskic e Raucci per Bottalico e Jakimoski. Doppia occasione per il Catania: prima Aya la mette fuori per l’ennesima volta, in questa occasione con il piede, poi Curiale commette fallo sull’estremo difensore nerazzurro. Primo giallo della gara all’ 89’, ammonito Ciancio del Catania. Occasione per Curiale all’ 81’, ancora Crispino a dirgli di no. Sono 5 i minuti di recupero concessi dal direttore di gara. Colpo di testa alto sopra la traversa di Curiale.
Finisce 1-0 per il Bisceglie: bruttissima gara per gli uomini di Sottil che adesso sono a meno undici dal primo posto.