Akragas-Catania 2-1: le parole di Bergamelli e Mazzarani

Dario Bergamelli, difensore del Catania

Dario Bergamelli, difensore del Catania  Foto: Nino Russo

Le parole dei due calciatori rossazzurri raccolte in sala stampa

DARIO BERGAMELLI
“Credo che alla fine riusciremo a giocare i play-off, ma non nascondo che questa sconfitta mi dà fastidio perché il nostro percorso di crescita è stato arrestato. Difficile dare una risposta perché non riusciamo a vincere fuori: quando pareggi vuol dire che qualcosa di buono lo fai, ma quando perdi…Credo che per vincere fuori serva un po’ di coraggio in più. Quando giochi contro una squadra come l’Akragas, composta da tanti giovani, può capitare di prendere la partita sottogamba, anche se non spero sia stato così in questo caso. Più che altro è mancata la prestazione, a livello di intensità e concentrazione. Tifosi? Purtroppo in questo momento noi siamo i primi ad essere dispiaciuti. Sarebbe stato importante vincere fuori anche per dare fiducia all’ambiente e portarli con noi. Gli dico di starci vicini, anche se sono arrabbiati”.

ANDREA MAZZARANI
“Non credo sia una sconfitta meritata, anche se ci sta per la determinazione che hanno avuto. Nel primo tempo l’Akragas ha creato qualche occasione in più rispetto a noi, mentre nella ripresa ha trovato un grande gol da lontano. Il secondo rigore non so se c’era, non ho visto contrasto. Purtroppo l’ho fallito, ma continuerò a batterli ancora, a meno che il mister non decida diversamente. Peccato averlo sbagliato perché avrebbe portato un punto”.?