Akragas-Catania 2-1: cronaca e tabellino

  Fonte: Nino Russo

Il racconto del derby dell'Esseneto tra biancazzurri e rossazzurri. Nel Catania out Djordjevic e Russotto

CALCIO D'INIZIO ALLE ORE 14.30
Reduce da due vittorie consecutive, colte entrambe al “Massimino” contro la Reggina e il quotato Matera, il Catania di Pino Rigoli si reca ad Agrigento per il tris. Allo stadio “Esseneto”, nella gara valida per la venticinquesima giornata del campionato di Lega Pro (Girone C), l’obiettivo dei rossazzurri è quello di tornare a vincere fuori casa, così come non avviene dalla trasferta di Cosenza dello scorso 3 dicembre. Dal successo in Sila, tra l’altro unico della stagione, il Catania ha subito le sconfitte di Siracusa e Castellammare di Stabia, cogliendo soltanto un punto in quel di Fondi. Ad attendere l’Elefante ecco il rabberciato Gigante, reduce dal K.O. di Francavilla Fontana, “debilitato” da una profonda crisi societaria e invischiato nella lotta per non retrocedere. Direzione di gara affidata al signor Manuel Volpi di Arezzo, coadiuvato da Marco Pancioni e Nicola Mariottini. Calcio d’inizio alle ore 14.30.

OUT RUSSOTTO E DJORDJEVIC
Giornata soleggiata, quasi primaverile, con qualche nuvola sul cielo dell’Esseneto; terreno di gioco in condizioni non esaltanti, con qualche irregolarità.Novità di formazione per gli etnei: out Djordjevic e Russotto (febbricitanti), in campo Tino Parisi e Di Grazia dal primo minuto nel canonico 3-5-2 di mister Pino Rigoli. Nell’Akragas dal primo minuto Longo, Salvemini e Cochis. Padroni di casa con la classica maglia a strisce verticali bianche e azzurre, pantaloncini azzurri e calzettoni bianchi. Catania con la maglia camouflage, pantaloncini e calzettoni neri. Calcio d'inizio affidato al Catania. Partiti!

PRIMO TEMPO

5': Primo calcio d'angolo della partita conquistato da Parisi. Dagli sviluppi, veloce contropiede dell'Akragas stroncato tempestivamente dalla difesa etnea.

9': Prime fasi di gioco che hanno già rivelato il leitmotiv (prevedibile) del match, con il Catania a fare la partita e l'Akragas rintanato dietro in attesa di un errore degli avversari per ripartire in contropiede.

11': Dagli sviluppi di un calcio d'angolo, l'arbitro Volpi assegna un rigore al Catania per via di un fallo di mano commesso dal difensore akragantino Sepe.

12': Dal dischetto Mazzarani spiazza Pane depositando la sfera nell'angolo basso a sinistra.

19': Calcio di punizione conquistato dal Catania sulla trequarti akragantina. Dagli sviluppi dell'azione Tavares sfiora il 2-0 con un sinistro al volo. A fermare tutto la segnalazione dell'assistente arbitrale che vanifica l'azione per fuorigioco.

21': Partita in mano agli etnei. Punizione dal limite dell'area biancazzurra: la conclusione di destro di Mazzarani si infrange sulla barriera.

23': Parla rubata da Cochis nella trequarti rossazzurra: la minaccia della punta di casa è però sventata dall'intervento provvidenziale di Bergamelli.

28': Incomprensione a metà campo tra Biagianti e Parisi (corto il passaggio del numero 28) favorisce un velocissimo contropiede dell'Akragas. Azione pericolosissima vanificata dall'errato controllo di Palmiero a due passi da Pisseri.

29': Altra azione pericolosa dall'out sinistro akragantino: insidiosa palla in mezzo spazzata tempestivamente da Bergamelli.

30': Akragas vicinissima al gol con Longo: la conclusione del numero 17 biancazzurro, da posizione vantaggiosissima, è respinta da Pisseri con il piede sinistro. Azione scaturita da un vistoso errore di copertura di Gil e Di Grazia.

32': Terzo corner per il Catania. Sviluppi senza esito.

33': Esposto uno striscione dalla curva di casa in memoria di Ciccio Famoso.

34': Altra occasione clamorosa fallita dall'Akragas: il tiro di Salvemini, scoccato dal limite dell'area, si perde a lato sulla destra di Pisseri.

35': Fase di gioco favorevole ai padroni di casa. Conquistato un calcio di punizione dalla trequarti etnea. Il traversone di Coppola è respinto coi pugni da Pisseri.

36': Fallo di Bergamelli sui venticinque metri. Giallo per il difensore che salterà la gara col Taranto in quanto diffidato.

37': Dagli sviluppi della punizione, battuta in zona centralissima, la conclusione di destro di Salvemi è respinta dalla barriera.

43': Altro calcio di punizione conquistato dall'Akragas in posizione invitante. Dagli sviluppi, Bramati vicinissimo al gol con un colpo di testa che si perde di un soffio alto.

45': Squillo del Catania con Tavares: il colpo di testa del portoghese è facilmente parato da Pane.

46': Dopo un minuto di recupero l'arbitro Volpi manda negli spogliatoi le due squadre. Catania in vantaggio per 1-0 nonostante le tante occasioni non concretizzate da un Akragas volenteroso ma poco preciso.

SECONDO TEMPO
Squadre nuovamente in campo. Cambio nell'Akragas: fuori Cochis, dentro Klaric. Catania con gli stessi effettivi. Partiti!

49': Miracolo di Pisseri con la mano aperta su una conclusione violenta dal limite dell'area di rigore scoccata da Salvemini.

54': Angolo conquistato da Coppola.

57': Pareggio dell'Akragas con un eurogol di Pezzella. Tiro dai venticinque metri sul quale Pisseri non può nulla. Pareggio ampiamente meritato dalla compagine biancazzurra. Catania imbambolato, urgono correttivi immediati.

58': Giallo a Salvemini

60': L'Akragas continua a spingere con decisione.

61': Primo cambio nel Catania, fuori un evanescente Pozzebon, dentro Barisic.

62': Giallo a Palmiero per simulazione.

65': Angolo per il Catania conquistato dal Catania. Dagli sviluppi, tiro sporco di Biagianti abbondantemente fuori. Catania che prova una timida reazione, l'Akragas rifiata.

67': Occasione da rete creata su calcio d'angolo: Traversone di Andrea Di Grazia, colpo di testa di Biagianti da buona posizione parato agevolmente da Pane.

73': Calcio di rigore assegnato per l'Akragas per un fallo di Gil su Bramati. Dal dischetto Salvemini fredda Pisseri . Akragas meritatamente in vantaggio.

79': Partita che procede a tratti per via di numerose interruzioni.

81': Cambio nell'Akragas: fuori Salvemini, dentro Cocuzza. Doppio cambio nel Catania: fuori Scoppa, dentro Fornito; fuori Di Grazia, dentro Manneh. Esordio per il giovane della Berretti.

84': Punizione dalla trequarti biancazzurra calciata da Fornito che finisce tra le braccia di Pane.

86': Calcio d'angolo conquistato dal Catania con un tiro dalla distanza di Gil sporcato da un difensore di casa. Dal tiro dalla bandierina, colpo di testa di Marchese parato agevolmente da Pane.

88': Catania in avanti senza troppa convinzione.

89': Giallo a Bramati per evidente perdita di tempo.

90': Calcio d'angolo per il Catania: traversone di Fornito, colpo di testa di Gil fuori di poco

- Concessi 5 minuti di recupero.

91': Rigore per il Catania assegnato per un fallo di Bramati su Biagianti. Mazzarani dal dischetto si lascia ipnotizzare da Pane.

92': Ammonito Fornito

93': Akragas vicino al tris in contropiede con Cocuzza.

94' Tiro della disperazione di Biagianti parato con sicurezza da Pane.

95': Triplice fischio dell'arbitro Volpi. Akragas batte Catania 2-1 .

FORMAZIONI UFFICIALI
AKRAGAS (3-5-2): Pane; Mileto, Riggio, Palmiero, Sepe, Coppola, Pezzella, Bramati, Longo; Salvemini (dall'81' Cocuzza), Cochis (dal 46' Klaric). A disp.: Addario, Leveque, Caternecchia, Privitera, Mazza, Cocuzza, Tardo, sicurella, Klaric, Rotulo, Petrucci. All: Di Napoli.

CATANIA (3-5-2): Pisseri; Gil, Bergamelli, Marchese; Parisi, Biagianti, Scoppa (dall'81' Fornito), Mazzarani, Di Grazia (dall'81' Manneh); Pozzebon (dal 61' Barisic), Tavares. A dips.: Martinez, Bucolo, Barisic, Mbdodj, Fornito, De Rossi, Piermarteri, Manneh. All: Rigoli

ARBITRO: Manuel Volpi di Arezzo; Pancioni- Mariottini

RETI:Al 12' Mazzarani su rigore, al 57' Pezzella, al 73' Salvemini su rigore

AMMONITI: Bergamelli, Salvemini, Palmiero, Bramati e Fornito

ESPULSI:-

RECUPERO: p.t. 1'; s.t. 5'

INDISPONIBILI: Baldanzeddu, Djordjevic, Di Cecco e Sessa.

DIFFIDATI: Bergamelli e Mazzarani

SQUALIFICATI: Thiago Cazè e Russo