Akragas-Catania 1-3: I rossazzurri espugnano il "De Simone"

Il 2-0 rossazzurro firmato da Davis Curiale, che sale a quota 15 nella classifica marcatori

Il 2-0 rossazzurro firmato da Davis Curiale, che sale a quota 15 nella classifica marcatori  Foto: CalcioCatania.com

Per gli etnei reti di Lodi, Curiale e Mazzarani

SI GIOCA AL "DE SIMONE"
Trentacinquesima giornata del Girone C della Serie C, sedicesima di ritorno. Allo stadio "Nicola De Simone" di Siracusa si gioca Akragas-Catania, calcio d’inizio alle 14.30. La formazione di Lucarelli, seconda in classifica con 64 punti, quattro in meno del Lecce capolista e uno in più del Trapani, persa l’occasione di essere padrona del proprio destino proverà a vincerle tutte da qui alla fine, a partire dalla gara di oggi. Di fronte c’è il gigante di Leo Criaco, ultimo in classifica con soli 10 punti e già retrocesso in Serie D. I rossazzurri sono reduci dal pareggio del "Massimino" contro la Juve Stabia, biancazzurri sconfitti ad Andria per 1-0. La trasferta è vietata ai sostenitori etnei. Arbitro dell’incontro è il sig. Paterna della sezione di Teramo, con lui ci sono gli assistenti Basile di Chieti e Netti di Napoli.

LE SCELTE INIZIALI
Lucarelli conferma l’ormai collaudato 4-3-3 col tridente offensivo formato da Barisic, Curiale e Manneh. In difesa i due esterni saranno Esposito a destra e Porcino a sinistra, al centro torna Tedeschi dalla precedente squalifica e farà coppia con Blondett, Aya recupera per la panchina. Il trio di centrocampo è composto da Lodi, Biagianti e Mazzarani.


TABELLINO
AKRAGAS-CATANIA 1-3 (PARZIALE)

MARCATORI: Lodi al 33', Curiale al 48', Mazzarani al 50', Pastore al 59'

AKRAGAS (3-5-2): Vono; Scrugli (dal 74' Pisani), Danese (Raucci al 56'), Ioio; Sanseverino, Zibert (Minacori al 56'), Caternicchia, Navas, Pastore; Camara (Dammacco al 56'), Mileto (Petrucci al 74'). A disp.: Lo Monaco, Raucci, Petrucci, Minacori, Pisani, Saitta, Canale, Giorgio, Bramati, Dammaco, Moreo. All: Criaco

CATANIA (4-3-3): Pisseri; Esposito, Blondett, Tedeschi, Porcino (dal 53' Marchese); Lodi (dal 53' Rizzo), Biagianti, Mazzarani (Bucolo all'81'); Barisic (Di Grazia al 79'), Curiale, Manneh (dal 53' Russotto). A disp.: Martinez, Semenzato, Marchese, Fornito, Bucolo, Rizzo, Di Grazia, Russotto, Brodic, Ripa, Aya. All: Lucarelli

ARBITRO: Daniele Paterna di Teramo

ASSISTENTI: Giulio Basile di Chieti e Pasquale Alessandro Netti di Napoli.

AMMONITI: Caternicchia al 64'

ESPULSI:

RECUPERO: 0 p.t.; 3' s.t.

INDISPONIBILI: Carrotta e Gjuci per l'Akragas; Caccavallo e Rossetti per il Catania

SQUALIFICATI: Bogdan

DIFFIDATI: Aya, Esposito e Lodi

CRONACA: PRIMO TEMPO
Catania in campo con la terza meglia, nera con sfumature di grigio, che attacca da destra verso sinistra, Akragas con la casacca a strisce biancazzurre. La prima azione è di marca agrigentina: tiro da fuori area, con il sinistro, da parte di Sanseverino (che scappa al centrocampo etneo) che scalda le mani a Pisseri, il quale blocca a terra. I padroni di casa sono schierati a specchio con gli avversari. All’ 8’ buona occasione per gli ospiti, palla in area per Mazzarani che in buona posizione preferisce metterla al centro ma la stessa si spegne sul fondo. I biancazzurri si fanno pericolosi e guadagnano un angolo. Al 12’ punizione di Mazzarani dalla mediana di destra, colpo di testa che termina alto di Blondett. Due minuti più tardi scontro tra Porcino e Mileto al limite dell’area agrigentina, l’arbitro concede un fallo al difensore di casa. Ancora Akragas che ci prova con un tiro da fuori ad opera di Zibert, conclusione deviata e la sfera termina tra le mani dell’estremo difensore etneo. Al 20’ Lodi serve bene Curiale in area di rigore, la conclusione dell’attaccante è respinta dal portiere avversario, ma il numero 11 in maglia nera era in posizione di offside. Ci prova ancora il Catania, tiro sul fondo di Manneh, defilato sulla sinistra. Al minuto numero 25 Barisic mette a sedere Vono, quasi sula linea di fondo, crossa rasoterra in mezzo ma il suo passaggio è intercettato col tacco da un difensore della squadra di casa. Altro tiro deviato che finisce tra le mani di Vono, questa volta l’autore della conclusione da fuori area è Mazzarani. Negli ultimi minuti, quando siamo al 28’, forcing del Catania. Al 30’ è sempre 0-0 tra Akragas e Catania, con i rossazzurri che provano a sbloccarla. Minuto numero 33, Catania in vantaggio: Curiale viene servito in area, appoggia all’indietro a Lodi che batte con il sinistro di prima intenzione, il pallone si insacca alle spalle di Vono. È 1-0 per l’elefante! Al 39’ gli akragantini protestano per un presunto fallo di mano in area di Esposito, ma il tiro è troppo ravvicinato, Paterna di Teramo lascia giocare. I primi 45 minuti terminano con gli applausi del pubblico presente al "De Simone”: il Catania è in vantaggio per 1-0 sui giganti grazie alla rete messa a segno da Lodi alla mezzora. Non è stato semplice sbloccare il risultato, la formazione di Criaco è ben messa in campo e ha ben figurato al cospetto dell’undici di mister Lucarelli.

CRONACA: SECONDO TEMPO
Squadre in campo con gli stessi undici della prima frazione. Al primo minuto della ripresa subito angolo per gli ospiti, che finisce con un nulla di fatto. Dopo tre minuti dall’inizio del secondo tempo il Catania raddoppia: angolo dalla destra di Lodi, la palla supera Vono, tap-in vincente di Curiale. Passano due minuti e i rossazzurri raddoppiano: questa volta l’azione si sviluppa sulla sinistra dove Manneh entra in area e sulla linea di fondocampo crossa al centro trovando Mazzarani che di destro insacca. È 3-0 per il Catania. Lucarelli manda in campo Russotto, Marchese e Rizzo, che rilevano Manneh, Porcino e Lodi. Al 56’ Russotto sfiora il 4-0: calcia col destro ma la palla finisce sul fondo, alla sinistra del palo della porta difesa da Vono. Tre cambi anche per la formazione di casa: in campo Raucci, Minacori e Dammacco, fuori Zibert, Camara e Danese. Al 59’ gol dell’Akragas con Pastore, che batte Pisseri di sinistro. Traversa di Russotto al 61' con una gran conclusione di destro, la palla si stampa sul legno orizzontale. Al minuto 71 Mazzarani da fuori area tenta la doppietta, la sua botta è respinta dall’estremo difensore agrigentino. Criaco esaurisce le sostituzioni a sua disposizione, dentro Pisani e Petrucci per Scrugli e Mileto. Incursione di Barisic sul versante di sinistra, l'attaccante è intercettato dal numero uno biancazzurro. Al 79' quarto cambio per Cristiano Lucarelli: entra l'ex Andrea di Grazia, esce Maks Barisic. Due minuti più tardi anche gli ospiti finiscono i cambi, in quanto il catanese Rosario Bucolo sostituisce l'autore della rete del 3-0 Mazzarani. Alla ripresa del gioco Dammacco sfiora il 2-3 con un tiro dalla distanza che finisce fuori alla sinistra del numero 12 etneo. A 5 minuti dal 90’ punizione per i giganti, si incarica della battuta Dammacco, Biagianti anticipa in angolo Pisani. Allo scadere doppia conclusione per gli ospiti: Biagianti prima, Russotto dopo impegnano Vono, che si supera evitando che il punteggio diventi più rotondo. Minuto 91, ci riprova lo scatenato Russotto, il suo sinistro si spegne di poco sul fondo. Il numero 7 dell’elefante è entrato sin da subito in partita, sfiorando la marcatura in diverse occasioni. Dopo tre minuti di recupero il sig. Paterna, con il classico triplice fischio, decreta la fine dell'incontro. Il Catania espugna il "De Simone" di Siracusa battendo per 3-1 l'Akragas. Per i rossazzurri gol di Lodi nel primo tempo e di Curiale e Mazzarani nella ripresa, gol della bandiera di Pastore per la squadra della città dei templi.