#70CATANIA: Gol Parade Anni '80

La rete di Pedrinho a San Siro, su calcio di punizione.

La rete di Pedrinho a San Siro, su calcio di punizione.  Foto: CalcioCatania.com

La classifica dei 15 gol più belli del decennio, tutti raccolti in un video montato dalla redazione di CalcioCatania.com.

Approfittando della grande mole di video del periodo presenti sul web, abbiamo deciso di andare oltre la rete del decennio contenuta nella “Best of” degli anni '80 ed ampliare l'approfondimento con una “gol parade” che racchiude le migliori prodezze dei giocatori in maglia rossazzurra tra il 1980 ed il 1989. La classifica da noi proposta è giocoforza incompleta, in quanto basata sul materiale video disponibile, che non comprende tutti i gol realizzati dal Catania, e tiene fuori giocate scolpite nella memoria dei tifosi (come, ad esempio, la rovesciata di Miele al 90° di Pistoiese-Catania del dicembre 1981, il gol vittoria di Sorbello nel derby col Messina della stagione 1986/87, la rovesciata di Puzone in Catania-Nocerina del 1987/88 o la mezza rovesciata di D'Ottavio contro la Torres nel campionato di Serie C1 1988/89). Ma si tratta di poche lacune che non scalfiscono il fascino suscitato dalla carrellata dei gol che abbiamo selezionato e racchiuso nel seguente video, in rigoroso ordine cronologico.


si ringrazia Alfio Lombardo per il montaggio

Dopo aver dato uno sguardo d'insieme, ecco la classifica proposta dalla redazione di CalcioCatania.com:

15) Garzieri (2-2) – Lecce-Catania 2-2, 08/03/1987, Serie B
Il gol del difensore originario di Crotone, in ottemperanza al regolamento dell'epoca, è in realtà considerato come un'autorete di Raise. Particolare che non ridimensiona la sua coraggiosa botta di sinistro, morta sotto l'incrocio dei pali.

14) Barlassina (2-0) – Catania-Teramo 5-0, 10/02/1980, Serie C1
Una delle specialità di Lorenzo da Limbiate erano le azioni personali. In questa rete rifilata al Teramo c'è (quasi) tutto il suo repertorio: dribbling secco e tocco morbido a scavalcare il portiere in uscita.

13) Labrocca (2-0) – Catania-Campobasso 2-0, 09/03/1980, Serie C1
Lo paragonavano a un mezzofondista, e in questa circostanza Mimmo Labrocca ci spiega il motivo. Non contento di una cavalcata tutta cuore e grinta, il terzino etneo scarica verso la porta difesa da Tomei un bolide imparabile.

12) Gamberini (1-0) – Catania-Palermo 3-1, 03/01/1982, Serie B
Con questo missile diretto verso l'incrocio dei pali che sorprende una difesa del Palermo piazzata piuttosto male, Marcello Gamberini apre le danze nel vittorioso derby della stagione 1981/82.

11) Pedrinho (1-1) – Milan-Catania 2-1, 02/10/1983, Serie A
Uno dei pochi ricordi positivi lasciati alla tifoseria etnea dal brasiliano Pedrinho è legato alla sua bravura sui calci piazzati. Il nazionale verdeoro si presenta così, ingaggiando una sfida tutta mancina a San Siro con Chicco Evani. Ha la meglio quest'ultimo che realizza una doppietta e regala la vittoria ai rossoneri.

10) Pedrinho (1-1) – Cesena-Catania 1-1, 30/09/1984, Serie B
Ancor più magistrale rispetto a quella precedente è la punizione battuta e trasformata da Pedrinho al “Manuzzi” di Cesena. Nella stagione 1984/85 i guizzi del paulista si riveleranno decisivi ai fini della salvezza in cadetteria.

9) Marini (1-0) – Catania-Cagliari 2-1, 01/11/1987, Serie C1
E' la prima partita dopo il passaggio di consegne tra Massimino ed Attaguile. Il Cavaliere lascia in eredità al Catania, tra gli altri, questo centrocampista offensivo dallo spiccato senso del gol, che si mette in mostra con un pregevole pallonetto. Contribuirà poi alla salvezza realizzando il primo dei due gol nello spareggio di Cosenza con la Nocerina.

8) Mastalli (2-1) – Catania-Perugia 2-1, 12/06/1983, Serie B
Mastalli eredita da Barlassina la maglia numero 8 e si dimostra all'altezza del predecessore, anche sotto il profilo delle giocate individuali. Il gol contro il Perugia, in una giornata funestata dagli spari del custode Angelo Grasso, regala al Catania la chance di giocarsi la promozione in A agli spareggi di Roma.

7) Mastalli (1-3) – Sambenedettese-Catania 1-3, 08/05/1983, Serie B
E' così agile e veloce, Ennio Mastalli, che a lui non occorre neanche ricorrere al dribbling per saltare gli avversari ed incunearsi nell'area di rigore. A San Benedetto del Tronto il folletto rossazzurro trova la via del gol con una sgroppata rimasta impressa nei ricordi della tifoseria etnea.

6) Barlassina (1-4) – Bari-Catania 1-4, 14/12/1980, Serie B*
Tornato in Serie B con la maglia del Catania, Barlassina raggiunge l'apice della propria carriera. Il gol rifilato al Bari partendo dalla propria metà campo è il simbolo di un'annata da protagonista che si concluderà con il premio di miglior giocatore del campionato.

5) Mandressi (0-1) – Bologna-Catania 0-1, 14/09/1986, Serie B
Una delle poche gioie regalate da Roberto Mandressi ai propri tifosi, nell'ambito di un'esperienza molto al di sotto delle aspettative, è rappresentata da questo fulmineo destro al volo su cross di Braglia, grazie al quale gli uomini di Rambone espugnano a sorpresa il “Dall'Ara” nella prima giornata della Serie B 1986/87.

4) Carnevale (1-0) – Catania-Lazio 1-1, 01/04/1984, Serie A
Quando arriva a Catania è solo un giovane che cerca di mettersi in evidenza, ma con la botta mancina con cui sblocca il risultato contro la Lazio Andrea Carnevale dimostra di possedere i numeri per proseguire con profitto il proprio cammino in massima serie.

3) Mosti (1-2) – Bari-Catania 1-4, 14/12/1980, Serie B
Terzino, mediano, all'occorrenza goleador, Pier Giuseppe Mosti si supera a Bari nello stesso giorno della cavalcata del suo capitano Barlassina. Dal piede destro del massese parte una traiettoria magica verso l'incrocio dei pali opposto: nulla può lo sbigottito Grassi.

2) Canuti (1-0) – Catania-Lecce 1-1, 05/10/1986, Serie B
Chi l'ha detto che bisogna essere dei fuoriclasse per segnare gol indimenticabili? Il rude stopper Nazzareno Canuti smentisce il luogo comune con un'azione personale degna di un numero 10.

1) Crialesi (1-0) – Catania-Ascoli 1-1, 18/12/1983, Serie A
Il nostro gol del decennio è la splendida sventola di controbalzo con cui Angelo Crialesi, nel giorno dell'esordio di G.B. Fabbri sulla panchina del Catania, illude il Cibali sulle prospettive di rimonta salvezza.

Fuori classifica) Cantarutti (annullato) – Catania-Milan 1-1, 12/02/1984, Serie A
Nonostante si tratti di un gol non convalidato, è impossibile non citare la meravigliosa rovesciata di Aldo Cantarutti, rimasta nella memoria collettiva sia per la sua bellezza che per l'ingiustizia della decisione del sig. Benedetti di Roma, che provocò un'invasione di campo con tanto di intervento delle forze dell'ordine. Insieme alla rete di Platini all'Argentinos Juniors nella finale di Coppa Intercontinale del 1985, si tratta senza dubbio di uno dei più bei gol annullati della storia del calcio. Se fosse stato convalidato, avrebbe vinto di diritto il “titolo” di rete del decennio rossazzurro.

*unica rete non compresa nel montaggio